Diffusori di aromi: come funzionano e quanto costano

Come funzionano i diffusori di aromi? Quanto costano? Quale modello scegliere? Scopriamo insieme tutto quello che c'è da sapere!

Simona Bondi

Simona Bondi Esperta di risparmio

I diffusori di aromi sono dei piccoli apparecchi creati con lo scopo di diffondere le essenze che più amiamo: utilizzati per profumare gli ambienti (ma non solo), stanno letteralmente spopolando fra le famiglie italiane. Ma come funzionano esattamente? Quanto costano? Quale modello scegliere? Scopriamo insieme tutto quello che c’è da sapere!

Diffusori di aromi ed essenze: a cosa servono?

I diffusori di aromi sono sostanzialmente dei profumatori per ambienti che hanno diversi scopi. Oltre ad essere utilizzati per profumare alcune aree della casa, possono essere usati anche con la funzione di aromaterapia: sentire intorno a noi i profumi che più ci piacciono infatti ci aiuta a rilassarci e mantiene alto il nostro umore. Alcuni modelli permettono anche di mantenere il giusto livello di umidità nella casa, umidificandola senza eccessi.

Molte famiglie li utilizzano per profumare la zona delle scale, ma sono molto utilizzati anche in salotto e in cucina dove riescono a mascherare gli odori che si sprigionano durante la cottura di alcuni cibi. Molti commercianti li utilizzano per profumare i loro negozi, rendendo più piacevole la permanenza al loro interno.

Quale modello di diffusore di essenze scegliere?

In commercio possiamo trovare tantissimi modelli con diversi prezzi e varie funzioni: molto apprezzati sono i diffusori di oli essenziali in vendita su Amazon che ci offre un’ampia scelta di acquisto per questo prodotto.

Sono molti i vari modelli disponibili che puoi acquistare al giorno d’oggi, ma è importante fare attenzione ad alcune caratteristiche che renderanno l’utilizzo di questo prodotto più semplice e pratico:

  • Capacità in litri: Se desideri un prodotto che non sia troppo impegnativo e che richieda poca “manutenzione” ti consiglio di optare per l’acquisto di un diffusore di essenze che abbia una capacità di almeno 500ml. La differenza di prezzo infatti spesso riguarda proprio la quantità di acqua che puoi inserire all’interno del diffusore. Maggiore è la sua capacità, minori saranno le ricariche che dovrai effettuare.
  • Cromoterapia: Alcuni modelli oltre alla funzione principale di diffondere i tuoi profumi preferiti, dispongono anche di luci colorate che hanno un effetto sul tuo benessere e sul tuo umore grazie al principio della cromoterapia. Oltre ad essere belle da vedere, fanno bene anche alla tua salute: prediligi un modello che abbia questa funzione!
  • Timer: Quasi tutti modelli in commercio dispongono di un timer che ti permette di impostare la durata di accensione del tuo diffusore. Di solito questi programmini ti consentono di far funzionare l’apparecchio per una, due oppure tre ore consecutive. Generalmente è comunque sconsigliato tenerlo acceso per oltre 10 ore.
  • Silenziosità: Generalmente i diffusori di essenze elettrici sono molto silenziosi, direi quasi impercettibili. Tuttavia alcuni modelli possono essere rumorosi e per questo motivo, prima di acquistarne uno, ti consiglio di leggere con attenzione le recensioni lasciate da altri clienti. Ti aiuteranno ad evitare un acquisto sbagliato!

Come funziona un diffusore di aromi?

Il suo funzionamento è davvero molto semplice, così come lo è la struttura con cui sono realizzati. Indicativamente basta rimuovere il coperchio ed aggiungere l’acqua fino al livello massimo stabilito. Quasi tutti i modelli sono dotati di un apposito dosatore e di una indicazione di “livello massimo”. Attenzione a non superare la sua capacità in quanto, un dosaggio errato, potrebbe compromettere il buon funzionamento del diffusore.

Insieme all’acqua dovrai aggiungere alcune gocce della tua essenza preferita: non ci sono limitazioni in questo senso, sarai tu a scegliere le essenze che vorrai diffondere nell’ambiente. Oltre alle essenze profumate potrai utilizzare anche degli oli essenziali che ti aiuteranno a combattere raffreddori o altri acciacchi di stagione (olii essenziali alle erbe, all’eucalipto e similari). Puoi trovare tantissime essenze anche su Amazon.it

Dopo aver “ricaricato” l’apparecchio con l’acqua ed alcune gocce di essenza, ti basterà attaccare la spina ad una presa elettrica ed accenderlo impostando il timer. Il diffusore profumerà così l’ambiente.

Quasi tutti modelli in commercio inoltre si spengono automaticamente quando l’acqua contenuta nella sua vaschetta si esaurisce: questo li rende ancora più sicuri.

Quanto costa un diffusore di oli essenziali elettrico?

Ma veniamo ora ai prezzi. Il costo per un diffusore elettrico varia generalmente a seconda della sua capacità e delle sue funzioni. Possiamo dire che, in linea di massima, i prezzi variano da un minimo di 15 € per arrivare a un prezzo medio massimo di circa 35/40 €.

A fare la differenza, oltre alla capacità in litri, è anche l’aspetto estetico dell’apparecchio: i modelli più economici sono realizzati interamente in plastica mentre quelli più costosi possono avere degli inserti in legno o design particolari che lo rendono un pezzo d’arredamento bello da vedere.

Simona Bondi

Simona Bondi Esperta di risparmio Appassionata di risparmio, dal 2008 gestisce il Blog DimmiCosaCerchi dove riporta iniziative promozionali dedicate al mondo del risparmio: campioni omaggio, concorsi a premio e buoni sconto sono all’ordine del giorno. http://www.dimmicosacerchi.it

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Diffusori di aromi: come funzionano e quanto costano