7 cristalli che ho comprato per purificare la mia energia

Il nostro corpo ha dei punti energetici chiamati chakra e con le giuste pietre possiamo aiutarci a stare meglio, con noi stesse e con gli altri

L’Amica Speciale Semplicemente #unadivoi

Adoro i cristalli, oltre che per il semplice aspetto estetico anche perché hanno un grandissimo potere su di me e sul mio essere. Mi ricordo quando un giorno entrai in un locale, molto particolare, senza luci, illuminato solo da candele e con un grande mandala di cristalli su un tavolino. La proprietaria era una donna con capelli bianchissimi, occhi azzurro ghiaccio e un’espressione di serenità in viso che sapeva trasmetterti subito quando la guardavi. Quel posto aveva un’energia bellissima e frequentandolo entrai in confidenza con quella particolare signora scoprendo che, oltre ad occuparsi del locale, era una cristalloterapeuta. Un giorno mi confidai con lei parlandole di alcuni turbamenti che avevo in quel periodo, tra università, amore e poco tempo per me. Mi consigliò di mettere nel reggiseno un quarzo rosa ogni mattina senza darmi altre spiegazioni. Quando tornai al locale mi chiese come stava andando con il quarzo e le risposi imbarazzata che purtroppo si era scheggiato a causa delle ripetute cadute perché, quando mi spogliavo, il reggiseno scivolava per terra. Lei mi disse: “Vedi, è proprio questo che dovevi vedere, quella pietra è come il tuo cuore, una parte di te che dai per scontata e che ti dimentichi di avere, per questo la fai cadere, non gli dai attenzione. Devi ricordarti del tuo cuore e non darlo mai per scontato, anche se sai che è lì, sempre allo stesso posto.”

Questo episodio mi avvicinò molto allo studio dei cristalli e alle loro proprietà e grazie anche al suo aiuto, iniziai a indossarli, non tutti nel reggiseno ovviamente, ma cercando di trovare dei gioielli che potessero unirsi ai miei outfit scoprendo che a ogni chakra del nostro corpo corrispondevano un colore e delle pietre specifiche.

E dopo le 5 cose che ho comprato e che mi hanno messo di buonumore  e le 5 cose che ho usato per pulire l’energia della mia casa, ecco quello che oggi voglio condividere con voi, i miei ultimi 7 acquisti di gioielli con cristalli (e come indossarli):

Cavigliera in Ematite

Partiamo dal primo chakra, Mulhadara, collocato nella zona genitale. Questo punto è molto importante perché è la via di uscita del nostro corpo energetico e ci collega alle nostra radici e ai beni terreni. I cristalli indicati per questo chakra sono quelli di colore nero. Io ho scelto l’ematite e nello specifico questa cavigliera (che in realtà sono due), perfetta da indossare in estate, con il suo nero lucido e brillante che dona un tocco elegante a qualsiasi vestito. Questa pietra ci aiuta a riequilibrare le energie del corpo e stimolare la mente, migliorando anche il nostro senso della collettività, l’istinto di sopravvivenza (che in questo periodo non fa mai male) e migliorando il rapporto con la famiglia (pure quello di questi tempi vacilla, diciamocelo).

Anello di Diaspro Rosso

Procediamo con il secondo chakra, Svadhistana. Posizionato sopra i genitali rappresenta il nostro centro dell’energia emozionale ed è anche associato a spontaneità, al piacere fisico ed emotivo. Le pietre collegate a questo chakra sono quelle rosse. Il consiglio è di indossarlo come bracciale o come anello, volendo si può anche tenere in tasca. Io ho deciso di indossarlo come anello acquistando questo modello, semplice e delicato. Questo cristallo ha il potere di infondere forza e coraggio aumentando anche lo spirito di iniziativa, rendendoci tenaci nelle nostre scelte. E di una bella dose di coraggio ne ho proprio bisogno!

Braccialetto di Ambra

Il terzo chakra è Manipura  e si trova circa due dita sotto l’ombelico. E il centro della nostra realizzazione, dell’“Io voglio, io posso” e i suoi cristalli sono di colore arancione o giallo per questo, sono andata su un classico che non mi stufa mai e ho scelto questo bellissimo braccialetto in Ambra, perfetto per illuminare anche i momenti più bui, come se fosse un raggio di luce che mi indica la direzione corretta. Questo cristallo infatti, ci aiuta a ripulire la nostra aura dalle energie ristagnanti, donandoci equilibrio nelle emozioni e aiutandoci anche a risolvere paure e fobie e a ridurre lo stress. Dicono anche che aiuti a trovare l’anima gemella ma per questo (per ora) sono già a posto.

Ciondolo in quarzo rosa

Anahata, questo è il nome del quarto chakra che viene anche definito come quello “del cuore” perché si trova all’incrocio degli altri punti energetici e proprio nel centro del nostro petto. Viene valutato come il chakra più importante perché lì risiedono i nostri veri sentimenti, il potere del perdono e la capacità di prenderci cura degli altri (ma soprattutto di noi stesse). Le pietre associate sono di colore verde o rosa e si consiglia di indossarlo come ciondolo, possibilmente proprio all’altezza del cuore (o nel reggiseno come avevo fatto io). Tra il mio ricercare appena ho visto questo ciondolo me ne sono innamorata e probabilmente è proprio quello che doveva succedere. Leggero, delicato, mi fa apparire molto più dolce di come di solito so pormi e lo ammetto, con un bel vestito bianco davanti allo specchio, vedermelo addosso mi ha fatto capire che forse dovrei davvero: amarmi di più.

Orecchini di turchese

Procediamo con il nostro percorso energetico arrivando al  quinto chakra, Vishuddha, posizionato all’altezza della gola e legato alla comunicazione. Questo chakra se ben attivato ci regala grandi doti di persuasione, capacità di concentrazione e di apprendimento, consapevoli della nostra autenticità. Una sorta di ponte tra i nostri sentimenti e i pensieri. I cristalli collegati ad esso sono di colore turchese e si consiglia di indossarli proprio all’altezza della gola o come orecchini, meglio se pendenti. Infatti la mia scelta, per variare anche rispetto alle precedenti, è stata quella di comprare questo paio di orecchini con incastonati i cristalli di turchese. Questa pietra riesce a stimolare la creatività aumentando la qualità e la nostra forza comunicativa, soprattutto la voce. Non da meno viene consigliato anche come un amuleto portafortuna nei viaggi (e io che sono scaramantica, lo indosso sempre prima di partire).

Ciondolo di Agata Viola

Siamo quasi arrivati alla fine, con il sesto chakra Ajna, posizionato in mezzo alla fronte e per questo chiamato anche “terzo occhio”. Proprio come un occhio in più questo chakra ci permette di ampliare il nostro punto di vista configurando anche gli obiettivi astratti, aiutandoci anche a sviluppare l’intuito. Anche questa pietra di colore viola è da posizionarsi nella parte alta del corpo. Ecco, forse l’avrete capito, ho un debole per i ciondoli e quando ho visto questo di Agata viola non ho saputo resistere! L’utilizzo di questo cristallo ci aiuta a fare scelte sensate oltre a sviluppare percezioni che vanno oltre quelle fisiche.

Coroncina di Quarzo

E ora arriva il bello con l’ultimo dei sette chakra, Sahasrara o chakra della corona (e dopo capirete perché)…
A differenza degli altri 6 questo non è collocato in un punto specifico del nostro corpo ma dimora sopra la testa, potremmo posizionarlo all’altezza della famosa “fontanella” dei bambini e, in contrapposizione al primo, è l’altra via che l’energia utilizza per attraversare il nostro essere. Il suo insegnamento è quello di abbandonare il passato per vivere oggi con le nostre responsabilità, facendoci vedere le convinzioni negative per liberarcene. Il suo cristallo è bianco e puro, come la sua essenza. Visto il suo nome, non ho saputo resistere e ho acquistato questa coroncina di quarzo! Le occasioni per indossarla non saranno tantissime ma vi assicuro che quando la metto mi sento bene, come una regina che sa cosa scegliere.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

7 cristalli che ho comprato per purificare la mia energia