Caraffe filtranti: guida alla scelta

Oggi parleremo di come risparmiare sull'acqua in bottiglia ricorrendo alle caraffe filtranti.

Simona Bondi

Simona Bondi Esperta di risparmio

Risparmiare è un arte fatta di piccoli accorgimenti, trucchetti che vanno a limare preziosi euro che, accumulandosi creano un gruzzoletto aggiuntivo da utilizzare per altre spese. Oggi parleremo di come risparmiare sull’acqua in bottiglia ricorrendo alle caraffe filtranti.

Caraffe filtranti: cosa sono e come sceglierle

Le caraffe filtranti sono delle brocche che hanno sul coperchio un sistema che depura il liquido permettendoti di bere acqua leggera, senza cloro, calcare e altri elementi che possono influire sulle proprietà organolettiche del liquido. Usando questo prodotto ne migliorerai il gusto e l’odore.

Questo ti permetterà di risparmiare sul costo (e sul peso) dell’acqua in bottiglia perché potrai bere senza problemi quella del rubinetto.

Detto ciò, passiamo ora a vedere come scegliere una caraffa filtrante, quali caratteristiche deve avere e come fare un acquisto mirato.

  • Il coperchio: le caraffe filtranti sono dotate di un particolare coperchio all’interno del quale si trova la cartuccia che serve a rendere più pura la tua acqua. E’ importante che abbia un contatore che ti indichi il numero di litri e, soprattutto, il tempo residuo del filtro. Infatti i filtri vanno cambiati ogni 3-4 settimane e avere un’idea chiara e precisa della durata rimanente si rivela comodissimo.
  • Il filtro: il filtro è la parte principale, ciò che rende queste brocche del tutto diverse da quelle tradizionali. E’ importante che sia composto da resine sintetiche e carboni attivi. Nell’acquisto, assicurati che si tratti di un prodotto europeo, conforme alle normative in vigore perchè potresti rischiare di ritrovarti sostanze non salutare nella tua acqua, vanificando l’effetto depurativo della caraffa.
  • Materiale: anche il materiale esterno deve essere atossico, inodore, insapore e dotato di caratteristiche in linea con le regole della comunità europea. Scegliere una caraffa filtrante che non riporti il marchio CE potrebbe esporti a rischi non certo desiderati.
  • Igiene: è importante che la caraffa sia sempre ben pulita per evitare contaminazioni. Scegli quindi dei modelli facilmente lavabili in lavastoviglie.

Quanto puoi risparmiare con la caraffa filtrante?

Utilizzando l’acqua del rubinetto risparmierai moltissimo sul costo della minerale perché eviterai di comprarla. Questa è una scelta conveniente, rispettosa della natura e ti costerà anche meno fatica perché non dovrai portare il peso dei fardelli da 6.

Una confezione di cartucce di ricambio costa mediamente 40-50€ e ne contiene 12, sufficienti per circa 10-12 mesi. Tra l’altro non si tratta di un acquisto immediato perché molto spesso nei kit iniziali troverai alcuni filtri in omaggio.

Dove le puoi comprare? Le trovi in tutti i negozi di casalinghi ed elettrodomestici, e ne hai una vasta scelta anche sull’e-commerce Amazon a questo indirizzo.

Facendo due calcoli sul costo medio di un fardello da 6 bottiglie, il risparmio si aggira dagli 80 ai 100€ l’anno. Ovviamente questa cifra cresce o diminuisce a seconda del numero dei componenti della famiglia e delle singole abitudini di consumo.

Simona Bondi Esperta di risparmio Appassionata di risparmio, dal 2008 gestisce il Blog DimmiCosaCerchi dove riporta iniziative promozionali dedicate al mondo del risparmio: campioni omaggio, concorsi a premio e buoni sconto sono all’ordine del giorno. http://www.dimmicosacerchi.it

Caraffe filtranti: guida alla scelta