Fare sesso a 18 anni: consigli per una serena vita sessuale

Tutto quello che devi sapere per fare sesso a 18 anni senza rischi

Il raggiungimento della maggiore età non implica necessariamente l’acquisizione di una maturità sessuale. Fare sesso a 18 anni può comportare notevoli problematiche, se ti fai cogliere impreparata.

Sono numerosi, infatti, i falsi miti sul sesso che circolano tra i giovani.

Cerchiamo di fare chiarezza.

Come fare sesso senza rischi

Il sesso è uno dei massimi piaceri della vita, se non il primo in assoluto, a patto che sia vissuto serenamente prima, durante e dopo il suo soddisfacimento.

Per risparmiarti conseguenze nefaste, come gravidanze indesiderate e malattie sessualmente trasmissibili, non devi far altro che informarti correttamente sui metodi contraccettivi possibili.

Quando è d’obbligo fare sesso con il preservativo

L’utilizzo del preservativo è indispensabile durante i rapporti occasionali e quando non sei sicura di avere a che fare con un partner sano. Pretendi che ti venga fornito un certificato aggiornato con le ultime analisi del sangue.

Metodi contraccettivi non affidabili

Il cosiddetto “freno a mano” non ti preserva dal rischio di gravidanze indesiderate, né tantomeno da eventuali contagi.

Lo stesso vale per la “pillola del giorno dopo”, che è un rimedio d’emergenza, peraltro dannoso per la salute, e non certo un metodo contraccettivo. Un dato di fatto, questo, che purtroppo sfugge alla maggior parte dei giovani sessualmente attivi.

I metodi naturali, come il monitoraggio della fertilità attraverso la temperatura basale, lasciano il tempo che trovano e francamente sono passati di moda da un pezzo!

Quale contraccettivo ormonale?

Se il tuo partner è sano e il sesso rientra in una routine di coppia consolidata, puoi prendere in considerazione l’idea di fare ricorso alla contraccezione ormonale.

Le soluzioni in questo ambito sono diverse e tutte ugualmente affidabili, a patto che siano utilizzate nel modo corretto:

Impianto sottocutaneo: la sua validità è di 3 anni, dopodiché devi provvedere a sostituirlo.

Contraccettivo intrauterino a rilascio ormonale: devi rinnovare l’applicazione ogni 3/5 anni.

Pillola: se la assumi quotidianamente e con le dovute precauzioni non corri alcun rischio.

Anello: ti protegge solo se ben applicato e cambiato mensilmente.

Cerotto: devi ricordarti di sostituirlo a cadenza settimanale.

Per scegliere il metodo per te più indicato, fatti consigliare dal tuo ginecologo di fiducia o dagli esperti di un consultorio familiare.

Fare sesso a 18 anni: consigli per una serena vita sessuale