Sonno, fare l’amore aiuta a dormire meglio

Secondo diversi studi scientifici, il sesso favorisce il rilascio di ormoni che ottimizzano la qualità del sonno

La qualità del sesso è strettamente correlata a quella del sonno. Per essere più precisi, bisognerebbe parlare di un vero e proprio circolo, dal momento che più si dorme, più si ha voglia di vivere momenti hot con il proprio partner.

A dare una validità scientifica a quanto appena affermato ci ha pensato uno studio statunitense del 2017, che ha analizzato la qualità della vita sessuale di più di 90.000 donne over 50, notando che quelle che dormono meno di 7 ore a notte hanno meno possibilità di essere sessualmente attive rispetto alle loro coetanee.

A tal proposito, è fondamentale fare un cenno all’iperconnessione che viviamo al giorno d’oggi e che non favorisce di certo il sonno e, di conseguenza, la soddisfazione nella vita sessuale.

Per evitare problemi, è consigliabile spegnere smartphone e computer almeno due ore prima di coricarsi. Anche in questo caso la conferma arriva dalla scienza e per la precisione dalla Professoressa Dame Sally Savies, a capo del National Health (il sistema sanitario nazionale del Regno Unito).

Nel corso di un’intervista rilasciata nel mese di febbraio 2019, ha rimarcato l’impatto della luce blu degli smartphone, definendolo un vero e proprio agente inquinante e affermando che l’uso eccessivo dello smartphone è correlato a un’iper attivazione del sistema nervoso, che ha conseguenze poco positive sulla qualità del sonno.

Il rapporto tra sesso e sonno merita davvero di essere preservato! Esplorarlo è affascinante perché permette di osservare alcune importanti reazioni chimiche. Diversi studi scientifici hanno infatti notato che, dopo un rapporto caratterizzato dal raggiungimento dell’orgasmo, il corpo umano rilascia ossitocina, ormone noto per favorire il buonumore.

Da non dimenticare è anche il fatto che, nelle donne, si verifica un aumento degli estrogeni, ormoni sessuali femminili per eccellenza in grado di diminuire i tempi di raggiungimento del pieno sonno.

Nell’uomo, invece, si verifica un aumento dei livelli di prolattina, un altro ormone che aumenta la voglia di dormire.

Non c’è che dire: il sesso è un’ottima attività per chi vuole aprirsi la strada verso le dolci braccia di Morfeo. Per rendere il sonno speciale – e per predisporre il corpo ai futuri momenti di passione con il proprio partner – è fondamentale seguire le regole sopra ricordate in merito all’iperconnessione.

Sonno, fare l’amore aiuta a dormire meglio