Sesso: farlo più spesso vi renderebbe davvero più felici?

Il sesso e la felicità sono strettamente legati? A quanto sembra da alcuni studi scientifici, non è propriamente così. Scopriamo insieme il motivo di questa scoperta

Più sesso uguale a maggiore felicità? Certamente non secondo il rapporto dello studio di Carnegie Mellon, che, invece, mostra come le coppie perdano di attrazione dopo frequenti rapporti sessuali. Altresì può presentarsi una diminuzione del desiderio e una riduzione del benessere. Questo è apparso dopo una serie di ricerche scientifiche che hanno mostrato tutt’altri risultati. Per esempio, in un sondaggio che ha incluso 16.000 adulti americani, è apparso che aumentare la frequenza di rapporti sessuali alzi la felicità così, come lo farebbe un guadagno di oltre 50.000 dollari.

Un economista di Princeton ha chiesto a 1000 donne cos’è che le fa felici. Al numero uno le rappresentanti del gentil sesso hanno messo il rapporto sessuale. A differenza di tutti questi studi, la ricerca effettuata da Carnegie Mellon non ha incluso delle domande generali sessuali sul sesso, ma, dopo aver formato una banca di sperimentazione di oltre 64 volontari (sposati, eterosessuali), ha presentato delle domande dirette sull’ attività sessuale. Inoltre, si è concentrata sul sentimento di coppia immediatamente dopo il rapporto. I ricercatori hanno chiesto a 16 coppie di vivere la loro vita come di solito, mentre alle altre 16 è stato chiesto di duplicare la loro attività sessuale.

Ogni coppia è stata poi sottoposta a dei sondaggi giornalieri, dai quali è emerso che a distanza di un mese le coppie che non hanno aumentato la loro frequenza sessuale, sono rimasti così felici, come lo erano prima. D’altro canto, le 16 coppie che hanno aumentato il ritmo, hanno perso felicità e soddisfazioni erotica. Una possibile spiegazione di ciò, è la ribellione della metà dei partecipanti alla richiesta di duplicare i loro rapporti sessuali. In ogni caso, si tratta di un dato importante.

Il sesso e la felicità sono stati studiati da molto tempo ormai, fintanto che viviamo in una società fortemente influenzata dalla sessualità. La ricerca dell’istituto Carnegie Mellon, ha soltanto aggiunto un dato in più, mostrando come la qualità erotica di un rapporto sia largamente più importante della quantità. Non appena la quantità aumenta, diminuisce la qualità, e per via della bassa felicità sessuale inizia a crearsi l’attrito nella coppia. Per questo è necessario regolare bene la frequenza di atti sessuali durante la settimana, altrimenti si rischia che uno dei due partner perda di libido e la qualità dei rapporti diventi minore. La diminuzione della qualità del sesso si rispecchierà anche sulla felicità.

Sesso: farlo più spesso vi renderebbe davvero più felici?