Diario del sesso: perché fare l’amore aumenta la memoria

Fare sesso migliora la memoria a breve termine e le capacità cognitive anche in soggetti di età avanzata

Tra i benefici dell’attività sessuale, è possibile ricordare anche quelli relativi all’aumento della memoria.

A dirlo sono diversi studi scientifici. In questo novero, spicca una ricerca pubblicata sulle pagine della rivista Archives of Sexual Behaviour. Lo studio in questione, portato avanti da un’equipe scientifica attiva presso l’Università di Wollogong (Australia), ha monitorato la situazione di un campione di poco più di 6.000 individui, tutti di età superiore ai 50 anni. A un follow up di due anni, i ricercatori hanno avuto modo di notare performance migliori per quanto riguarda la memoria nei soggetti con un’attività sessuale più frequente (questo a parità di condizioni di salute e stile di vita).

I risultati in merito riguardano però solo la memoria a breve termine. Per quel che concerne invece la memoria a lungo termine, non sono state riscontrate differenze sostanziali. Il Dottor Mark Allen, principale firmatario dello studio, ha commentato gli esiti appena ricordati facendo presente che il motivo dei benefici sulla memoria a breve termine è legato al fatto che, durante l’intimità, viene stimolata una specifica area del cervello, ossia l’ippocampo.

Lo studio appena citato non è l’unico ad aver indagato il rapporto tra attività sessuale e miglioramento delle capacità mnemoniche e cognitive. Degna di nota a tal proposito è anche una ricerca condotta dalla Dottoressa Larah Maunder, ricercatrice scientifica presso la McGill University (Canada).

In questo caso, è stata presa in considerazione la vita intima di alcune donne di giovane età, riscontrando sempre dei punteggi mnemonici migliori in quelle abituate a fare sesso più spesso. Per quanto riguarda gli altri lavori scientifici sul tema, va citato un sondaggio condotto da un’equipe di ricercatori dell’Università di Manchester. Intervistando 1.700 persone di età compresa tra i 50 e i 98 anni, hanno trovato una corrispondenza tra attività sessuale frequente e punteggi positivi riguardanti le capacità cognitive. In questo caso, i benefici sono dovuti al rilascio di ossitocina e dopamina, due sostanze fondamentali per l’efficienza del cervello umano.

Non c’è che dire: si tratta in tutti i casi di risultati a dir poco interessanti e, parliamoci chiaro, di un pretesto in più per divertirsi tra le lenzuola!

Diario del sesso: perché fare l’amore aumenta la memoria