Cos’è la pillola estroprogestinica: come funziona ed efficacia

La pillola estroprogestinica è un metodo anticoncezionale particolarmente efficace: ecco come funziona e come assumerla per non sbagliare

La pillola estroprogestinica è un metodo anticoncezionale a base di ormoni, studiato per le donne.

Questo farmaco consente di evitare gravidanze indesiderate e contiene al suo interno due ormoni femminili. La pillola è composta dunque da un estrogeno, che solitamente è l’etinilestradiolo, e da un progestinico, che può essere il levonorgestrel o il gestodene.

A seconda delle quantità di ormoni presenti nella formulazione e del tipo di molecole che vengono scelte, la pillola anticoncezionale può avere caratteristiche differenti. Ad oggi sul mercato sono disponibili tre categorie fondamentali: la pillola monofasica (o a dosaggio fisso), in cui si trova la stessa quantità di ormoni, la pillola bifasica (o a dosaggio variabile in due fasi), caratterizzata da un estrogeno a dosaggio fisso e un progestinico assunto tramite due dosaggi diversi. Infine troviamo la pillola trifasica (o a dosaggio variabile in tre fasi), in cui gli ormoni sono somministrati con tre differenti dosaggi.

La pillola estroprogestinica in sostanza blocca la sintesi di due ormoni, detti gonadotropine, prodotti dall’ipofisi. Questo causa un assottigliamento dell’endometrio e un ispessimento del muco cervicale, ostacolando l’impianto dell’ovulo. Come funziona? La pillola va aggiunta tutti i giorni sempre alla stessa ora per 21 giorni. Terminato il blister c’è una pausa di 7 giorni in cui il medicinale non viene assunto e la donna avrà le mestruazioni.

La protezione offerta da questo anticoncezionale ormonale è piuttosto elevata, mentre studi scientifici hanno dimostrato anche la presenza di numerosi benefici. La pillola protegge da alcune forme di tumori, aiuta a risolvere la dismenorrea, la sindrome premestruale e la menorrea. Consente di regolarizzare il flusso mestruale e di risolvere i problemi legati all’acne e all’eccesso di sebo.

Anche se l’efficacia è piuttosto alta, la pillola estropogestinica non offre protezione dalle malattie sessualmente trasmissibili, per cui è indicato l’uso del preservativo. Inoltre viene sconsigliata in casi particolari come malattie cardiovascolari, allattamento e nelle donne che fumano e hanno più di 35 anni.

Infine è fondamentale rispettare la posologia, per evitare di ridurne l’efficacia. Se dimenticate di assumere la pillola infatti rischiate di andare incontro ad una gravidanza indesiderata. Se sono trascorse meno di 12 ore dall’orario della mancata assunzione, la protezione contraccettiva è stata mantenuta, se invece è passato più tempo, è necessario utilizzare un altro anticoncezionale.

Cos’è la pillola estroprogestinica: come funziona ed effic...