Pillola e dissenteria: cosa accade quando l’intestino non funziona bene

Cosa fare se l'intestino non funziona bene e si assume la pillola? Ecco come agisce questo metodo contraccettivo in caso di dissenteria

La pillola è considerata uno dei metodi contraccettivi più sicuri, nonostante ciò esistono alcuni fattori che possono diminuirne l’efficacia, fra questi la dissenteria.

Se l’intestino non funziona bene infatti, l’azione della pillola anticoncezionale può essere ostacolata, mettendo a rischio le donne che non vogliono andare incontro ad una gravidanza indesiderata. Andiamo con ordine: la pillola si assume tutti i giorni alla stessa ora, a partire dal primo giorno di ciclo sino al termine del blister. In questo modo si avrà una copertura contraccettiva anche nei giorni di pausa in cui compariranno le mestruazioni.

L’orario in cui viene presa la pillola è importantissimo. Se viene dimenticata è fondamentale assumerla entro le 12 ore successive, in caso contrario la contraccezione potrebbe essere compromessa ed è necessario utilizzare il profilattico sino all’esaurimento della confezione. Questa precauzione va seguita anche in altri casi, soprattutto quando siamo in presenza di problemi intestinali.

La pillola infatti viene assunta per via orale, per questo il benessere dell’intestino è fondamentale per garantirne l’efficacia. Un esempio? Se avete l’influenza, con episodi di diarrea o vomito, circa due ore dopo aver preso il contraccettivo, la copertura da eventuali gravidanze non viene garantita. Per questo i medici consigliano di prendere immediatamente una nuova pillola e in seguito un’altra nell’orario indicato. Se il problema persiste bisognerà contattare tempestivamente il proprio ginecologo, comunicando anche l’eventuale terapia prescritta dal medico.

Alcuni farmaci infatti possono bloccare l’azione della pillola, poiché entrano nel flusso del sangue molto più velocemente degli ormoni. Stiamo parlando ad esempio dei medicinali contro l’epilessia e l’HIV, di quelli utilizzati per curare alcune malattie mentali, ma anche di diversi antibiotici (penicilline, tetracicline e rifampicina).

Anche l’uso di alimenti e bevande lassative può ostacolare l’assorbimento del contraccettivo e, di conseguenza, la protezione. In questi casi è importante scegliere una doppia protezione, utilizzando anche il preservativo.

Pillola e dissenteria: cosa accade quando l’intestino non funziona&n...