Cos’è il phubbing e perché fa male all’amore

Il phubbing o snobismo tecnologico per cui preferiamo lo smartphone alle persone che abbiamo intorno ha degli effetti molto negativi nelle relazioni

Si chiama “phubbing” il nuovo fenomeno di snobismo tecnologico che minaccia la comunicazione e anche l’intesa sessuale all’interno della coppia.

Questo nuovo termine nasce da uno studio scientifico My life has become a major distraction from my cell phone: partner phubbing and relationship satisfaction among romantic partners (“La mia vita è diventata una distrazione dal mio telefono cellulare: il partner phubbling e la soddisfazione della relazione di coppia) e indica quel particolare comportamento che porta a ignorare o a trascurare le persone con cui stiamo parlando o che si trovano intorno a noi, immergendosi nel proprio smartphone. In realtà non si riferisce solamente al guardare lo smartphone mentre qualcun altro parla, ma anche ad altri comportamenti come lasciare il telefono in bella vista, tenere il celluare in mano e controllare le notifiche durante le pause della conversazione.

A chi non è mai capitato di estraniarsi per qualche minuto dalla conversazione per concentrarsi sul telefono o al contrario di aver subito questo fenomeno da parte di amici o addirittura del proprio partner?
Ovviamente è molto fastidioso, perché peggiora in maniera significativa la comunicazione e la relazione tra persone, in particolare all’interno la vita di coppia, oltre a poter condurre a una dipendenza da smartphone. Nello studio viene descritto come una vera e propria forma di esclusione sociale che minaccia alcuni dei bisogni umani fondamentali, in particolare l’appartenenza, l’autostima e il senso di realizzazione.
È un comportamento che influisce negativamente su tutti i rapporti sociali, dalle amicizie al rapporto con i genitori, ma è particolarmente dannoso nella vita di coppia.

Quando qualcuno nota che il proprio partner lo sta ignorando per concentrarsi sul telefono, si crea una percezione di basso senso di interesse  e di essere poco interessanti per chi abbiamo davanti, cerando insoddisfazione all’interno della coppia, ma può portare anche ad un’elevata soglia di depressione.
Causa l’interruzione della comunicazione, ma soprattutto della complicità e questo può avere delle ripercussioni anche in camera da letto con un calo del desiderio sessuale e una perdita di interesse che è inevitabile se lo smartphone è troppo presente in camera da letto.
Se il partner è distratto dal telefono, l’altro individuo appartenente alla coppia si può anche sentire poco attraente o sexy  e sentirsi poco disinvolto o a proprio agio nel rapporto sessuale.
Per evitare questa situazione bisognerebbe abituarsi a lasciare i telefoni lontani dalla nostra vista mentre parliamo con il partner o con gli amici, inoltre una bella cenetta a due senza smartphone ogni tanto è salutare per la vita di coppia.

Cos’è il phubbing e perché fa male all’amore