#SegretiDelCuore

Lui non vuole fare sesso perché soffre di eiaculazione precoce

L’amante di Sara non vuole fare sesso e lei sospetta si tratti di un problema sessuale. Risponde la Sensual Coach

Anita Richeldi

Anita Richeldi Sensual coach

Carissima Anita, ho una relazione da 4 mesi con un uomo sposato da 10 anni, con 2 figli. A parte qualche approccio sessuale - e parlare e parlare - non succede niente: non si sente pronto a venire a letto con me. Quando provo a mollarlo, mi dice di volere tempo (lui non ha mai tradito la moglie). Mi sento confusa e non posso parlarne con nessuno.

Sara – chiamiamola così – mi ha scritto su Messenger in forma privata; ho quindi chiesto ulteriori dettagli:

“Tu sai se lui ha dei problemi sessuali? Perché quella del non aver tradito sembra proprio una scusa. Con problemi intendo, problemi di erezione o eiaculazione precoce”.

La nostra amica ha confermato i miei dubbi:

“Mi sa che hai centrato: in quei pochi approcci che abbiamo avuto non è mai rilassato, anzi è sempre teso”.

Ho chiesto delucidazioni sul tipo di “approcci”:

“Carezze intime, ma è come se stesse sempre per esplodere, anche quando lo bacio. Ho sempre paura che stia per venire e quindi mi ferma”.

A questo punto, mi sono sentita in dovere di insistere sulla necessità di comunicare con il partner:

“Te la senti di parlargli, di affrontare questo discorso, in modo da trovare insieme una soluzione?”

Giustamente Sara mi ha fatto notare di non essere la moglie e non saprebbe nemmeno se definirsi amante.

Tuttavia, ho puntualizzato:

“Il tradimento non è tanto il sesso quanto la complicità, lo stare insieme e il desiderarsi. Quindi sì sei l’amante”.

Sara ha confermato la mia tesi:

“Ci desideriamo un sacco e stiamo insieme sempre. Comunque ho sempre intuito che avesse problemi di eiaculazione precoce. Quindi tu mi consigli di parlargli? Conta però che è anche intimorito da me perché conosce il mio passato sessuale: molto movimentato”.

Con quest’ultima rivelazione, ho il quadro completo della situazione.

L’amante di Sara è un uomo con una bassa autostima e con esperienze sessuali probabilmente deludenti alle spalle. Come tutti gli insicuri, teme le donne troppo disinibite, che non si fanno problemi a parlare di sesso o a giocare con la propria sensualità. Nonostante tra loro si sia creata una grande complicità e forse proprio per questo, lui non riesce a lasciarsi andare, probabilmente perché ha paura di deluderla, banalmente di fare cilecca. Il fatto che lui sia attratto fortemente da lei, lo intimorisce maggiormente.

Non credo invece che il suo blocco sia un forma di rispetto nei confronti della famiglia, perché il loro rapporto per come si è evoluto è già di per sé un tradimento. Per come la vedo io, aprire il cuore a una persona diversa dal partner ufficiale è più grave di un rapporto frugale consumato in ufficio.

Consigli per ritardare l’eccitamento

Alla nostra amica, mi sento quindi di consigliare alcune strategie per prenderlo per mano e condurlo a quel momento tanto desiderato.

Outfit

Se normalmente prima di un incontro sessuale, consiglio di vestirsi in modo sensuale, in questo caso, carissima Sara, ti suggerisco un outfit da “ragazza della porta accanto”, che non lo faccia immediatamente andare su di giri.

Atteggiamento

Evita di sedurlo con sguardi o carezze, ma fai in modo che sia lui ad avere l’impressione di dominare il corteggiamento. Fallo sentire padrone del gioco.

Momento e luogo

Scegli per i vostri incontri, una location in cui lui si senta completamente se stesso e un momento in cui sia libero da pensieri familiari.
Capisco la difficoltà di organizzazione di un appuntamento extraconiugale, ma sono sicura che l’immaginazione e intraprendenza non ti manchino.

Distrailo

Prima di iniziare con i preliminari, sfrutta il potere magico della parola per distrarlo dal pensiero fisso di quello che avverrà dopo e le conseguenti paranoie sulle sue abilità sessuali. Mettilo a suo agio, sicuramente sai come fare.

Pratiche e posizioni consigliate

Mi hai parlato di carezze intime e della sua difficoltà a contenere l’eccitazione. Ecco, in questo caso, evita di portarlo troppo in là e vai dritta all’obiettivo.

Sdraiati su di lui, accarezzalo e conducilo dolcemente alla penetrazione. Mantieni la posizione: se stai sopra puoi controllare la forza e l’intensità delle spinte, andando, in questo modo, a prolungare l’atto.

Non godere con troppo entusiasmo, trattieni urla e parole eccitanti. Il rischio è di accelerare i tempi dell’eiaculazione.

Se lui viene subito

Molto probabilmente la durata del rapporto sarà molto breve e lui si sentirà amareggiato perché convinto di averti delusa. Tranquillizzalo, e continua con i preliminari mettendo all’opera le sue dita o la sua lingua, per poter anche tu raggiungere il piacere.

Se avete tempo a disposizione, proponigli un secondo rapporto, che potrebbe andare meglio. Tentar non nuoce.

Sono sicura che una volta che avrete rotto il ghiaccio, i vostri incontri sessuali saranno più assidui e più soddisfacenti. E se il suo fosse un problema di natura più seria, convincilo a interpellare un esperto, perché a volte la soluzione è proprio dietro l’angolo ed è inutile, se non dannoso, nascondere testa sotto la sabbia o, in questo caso, sarebbe meglio dire nascondere il suo arnese dentro le mutande.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Anita Richeldi

#SegretiDelCuore Ti serve un consiglio da amica o il parere di un’esperta ?

Lui non vuole fare sesso perché soffre di eiaculazione precoce