I misteri dello sbadiglio: non per noia ma per voglia di sesso

Lo sbadiglio non sempre è segno di noia: se è vero che spesso denota tedio o sensazione di sonno, a volte segnala attrazione sessuale. E’ certo difficile a credersi, ma a volte l’apparenza inganna e non tutto è come sembra.

Lo hanno notato gli studiosi, che addirittua annualmente si riuniscono a congresso a Parigi per studiare il tema, nientemeno che alla Conferenza Internazionale sullo Sbadiglio.

Insomma, è vero che lo sbadiglio può spesso segnalare noia profonda, ma non solo: infatti è manifestazione, pare, anche di emozioni tra cui appunto fame, stress o appunto attrazione sessuale.

Qualche misteriosa correlazione tra sesso e sbadiglio a quanto pare esiste ed è persino documentata in antichi testi indiani, che paragonano lo sbadiglio a un piccolo orgasmo. Lo studioso tedesco Wolter Seuntjens analizzando il tema osservò che molti pazienti che si erano rivolti ai sessuologi  avevano loro rivelato di sbadigliare durante i preliminari o l’atto sessuale, non è dato tuttavia sapere se semplicemente per noia, emozione o voglia irrefrenabile.

Dunque non demoralizzatevi se durante il tanto atteso appuntamento con voi l’uomo dei vostri sogni comincia a sbadigliare: forse invece di annoiarsi non vede l’ora di abbracciarvi con passione. Tutto sta, come sempre, nell’analizzare il contesto con un esame obiettivo della conversazione, dell’atmosfera e dell’empatia più o meno forte che si è venuta a creare con lui.

Perché, in fondo, lo sbadiglio rimane ancora un mistero insondabile: dopotutto suonano come una dichiarazione di resa le parole del pioniere dello sbadiglio Wolter Seuntjens: "Possiamo mandare un uomo sulla luna, ma non siamo in grado di spiegare il più comune dei gesti".

I misteri dello sbadiglio: non per noia ma per voglia di sesso