Come superare il tradimento coniugale

Il tradimento rappresenta una vera e propria rottura del legame che unisce la coppia: cerchiamo di capire come superarlo

Il tradimento rappresenta una tra le esperienze più dolorose e difficili da metabolizzare: comporta un turbinio di emozioni contrastanti che, inevitabilmente, è necessario saper affrontare.

È senza dubbio complesso spiegare le sensazioni che emergono, quando si viene a conoscenza di un tradimento coniugale. Senso di impotenza, rabbia, disperazione, così come il senso di vergogna e la perdita di autostima, possono finire per sopraffare, fino a comportare una vera e propria perdita di lucidità, rispetto alla successiva scelta che – in qualche modo – deve essere affrontata. Perdonarlo? Lasciarlo o piuttosto vendicarsi? Ecco gli interrogativi più frequenti a cui, la persona tradita, deve necessariamente rispondere.

Tanti possono essere i motivi che inducono al tradimento coniugale: insoddisfazione sessuale, voglia di evadere, o ancora il desiderio narcisistico di piacere a più persone. Tuttavia il risultato è sempre lo stesso: una vera e propria frattura di quel legame basato sulla fiducia, che unisce ogni coppia.

Chi è stato tradito, è consapevole di quanto risulti doloroso tollerare tale gesto, anche se per affrontare la situazione al meglio, occorre preservare il proprio equilibrio, ben ancorato alla realtà. Diventa quindi essenziale saper vivere le proprie emozioni, anche se negative, in maniera lucida e concreta, senza la necessità di colpevolizzarsi.

Ricordiamoci che a prescindere dalle motivazioni, il tradimento coniugale rappresenta una disfunzione della coppia e nella maggior parte dei casi, è l’espressione di problematiche latenti e mai risolte all’interno della relazione. È necessario quindi vivere le proprie emozioni – seppur negative – con estrema naturalezza, senza cercare di soffocarle o negarne l’evidenza.

L’importante è prendersi il tempo necessario per decidere cosa fare, così come abbandonare l’idea di una “vendetta” che comporterebbe solo inevitabili e ulteriori sensi di colpa. Meglio concentrarsi su qualcosa di positivo e occupare la mente con attività piacevoli e rilassanti, come un weekend in Spa, sano shopping e uscite con le amiche.

Mai colpevolizzarsi o vergognarsi: quando si parla di tradimento da parte del partner, è lui ad aver commesso un errore imperdonabile. Tuttavia, parlarsi e provare a comprendere insieme, ragionando su quali potrebbero essere le problematiche principali che coinvolgono la relazione, può rivelarsi utile come primo passo verso un eventuale riavvicinamento.

Se al contrario, la relazione risulta ormai logorata – qualora il dialogo non si riveli efficace – affrontare un percorso terapeutico di coppia, spesso rappresenta la soluzione migliore: un terapeuta sarà in grado di far comprendere a entrambi come consolidare il legame, recuperare la fiducia persa, indicando il percorso più adeguato per una vita di coppia serena.

Come superare il tradimento coniugale