Sclerosi multipla, una campagna racconta le sfide alla malattia

La campagna "Scacco Matto" celebra storie di persone audaci affette da Sclerosi Multipla che ci insegnano come superare le sfide imposte dalla malattia

Fare ciò che sta più a cuore, realizzare i propri sogni e raggiungere i propri obiettivi. Anche per chi sfida la sclerosi multipla è possibile. lo raccontano le vicende di tante persone, da Stefano che ha fatto un viaggio a piedi in solitaria fino a Chiara, diventata responsabile dell’azienda di famiglia, o Anna, che ha realizzato il suo desiderio di maternità.

Tante storie su una malattia che si affronta sempre meglio, soprattutto grazie alla diagnosi precoce, che sono raccolte grazie alla campagna “Scacco Matto” sulla pagina Facebook BrainzoneIt di Novartis e sul sito Living Like You. Insieme a due esperte, Federica Balzani – Coordinatore Pharma and Healthcare Corporate Relations AISM Onlus e membro del Board della EMSP e del Patient Engagement Group di MULTI-ACT e  Marinella Clerico – Responsabile SD Patologie Neurologiche Specialistiche, AOU San Luigi Gonzaga e Professore associato Dipartimento di Scienze Cliniche e Biologiche Dell’Università di Torino, facciamo il punto sulla malattia e sull’importanza del “racconto” di esperienze che danno forza.magineimmagine Scacco Matto

Importanti diagnosi precoce e approccio multidisciplinare

La sclerosi multipla è una malattia neuroinfiammatoria cronica nella quale un sistema immunitario erroneamente attivato, attacca il sistema nervoso centrale. Il bersaglio dell’attacco autoimmune è la mielina – sostanza che circonda e isole le fibre nervose – ma l’infiammazione danneggia in ultimo anche i neuroni stessi. I danni alle aree del sistema nervoso centrale possono produrre una varietà di sintomi neurologici che differiscono da persona a persona per tipo e gravità. La malattia è spesso classificata in tre forme: primariamente progressiva (SMPP), SM recidivante-remittente (SMRR) e SMSP (SM Secondariamente Progressiva), caratterizzate da alterazioni fisiche e cognitive, in presenza o assenza di recidive, e da vari gradi di disabilità neurologica e fisica.

Al momento non esiste un singolo test o esame in grado di confermare da solo la diagnosi di sclerosi multipla. Il neurologo considera l’insieme di tre elementi: la storia clinica, i risultati dell’esame neurologico e di esami specifici strumentali e biologici (risonanza magnetica, potenziali evocati, esami del sangue e del liquido cerebrospinale). Per poter confermare la diagnosi occorre che le lesioni siano diffuse in diverse aree del sistema nervoso centrale e che si siano presentante in tempi differenti. Quanto più precocemente viene effettuata la diagnosi di sclerosi multipla, tanto maggiori sono le probabilità di una buona gestione della malattia. L’obiettivo della gestione della malattia è assicurare al malato una buona autonomia ed una valida qualità di vita, anche per i familiari di chi ne soffre: è infatti necessario assumere cronicamente trattamenti farmacologici finalizzati a rallentare la progressione. Fondamentale è anche la riabilitazione, che deve vedere l’alleanza tra diversi operatori sanitari (fisiatra, neurologo, fisioterapista, terapista occupazionale, logopedista, infermiere, psicologo, assistente sociale, urologo, sessuologo, neuropsicologo, oculista), ciascuno specializzato nel proprio ambito riabilitativo.

Lo “scacco matto” alla malattia è possibile

La sclerosi multipla è una patologia complessa e imprevedibile che impatta significativamente sulla vita delle persone. Anche se è un avversario che non possiamo battere completamente, grazie ai trattamenti, ai progressi della ricerca e all’aiuto che può arrivare dal proprio nucleo famigliare e sociale, le persone con sclerosi multipla possono dare “scacco matto” e riuscire a mantenere una buona qualità di vita con un’aspettativa non distante da chi non è affetto da questa patologia.

Questo è il messaggio che vuole lanciare  #scaccomatto: si possono superare le sfide imposte dalla malattia. E con Scacco Matto – Storie audaci di persone con la sclerosi multipla si celebrano le vittorie raggiunte da persone vere, che nella loro normalità sono straordinarie e possono essere d’esempio per altri. I protagonisti non solo rappresentano una storia positiva di riscatto nei confronti della sclerosi multipla ma, ognuno con le sue particolarità racconta un aspetto differente della malattia: il viaggio, la genitorialità, il lavoro, la disabilità ed altri aspetti. Tutto nasce dall’ascolto dei pazienti per poi arrivare a vicende “raccontate” che possono essere di esempio positivo e ispirazionale, se non di aiuto, ai dubbi e alle paure più comuni che le persone che iniziano la loro partita contro la sclerosi multipla si trovano ad affrontare.

In collaborazione con Novartis

 

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Sclerosi multipla, una campagna racconta le sfide alla malattia