Sars2-CoV-2019, i farmaci che potranno aiutarci contro il coronavirus

Per affrontare l'infezione da coronavirus e la polmonite si stanno cercando soluzioni con farmaci già disponibili o in sperimentazione: ecco quali sono

Federico Mereta

Federico Mereta Giornalista Scientifico

Contro i batteri ci sono gli antibiotici. Ma per i virus, purtroppo, solo in qualche caso esistono farmaci mirati, disponibili dopo anni di ricerche. Così, per affrontare l’infezione da coronavirus e soprattutto la polmonite e gli altri quadri che si manifestano nelle forme più severe, si stanno cercando soluzioni “attingendo” a farmaci già disponibili o in sperimentazione. L’Italia, in questo senso, è all’avanguardia. Ecco perché.

Il caso di Remdesivir

Al momento non esiste un trattamento che abbia dato risultati tali da poter essere considerato indicato per questa infezione. Ci si muove utilizzando farmaci come la clorochina o l’associazione di inibitori delle proteasi, che in pratica impediscono ai virus di “ricostruirsi” dopo essersi replicati, già utilizzati nel trattamento dell’infezione da HIV. Ovviamente comunque non si tratta di farmaci mirati per questo virus, che non ha le proteasi “identiche” rispetto a quelle dell’HIV.

Tra le buone notizie, in Italia parte una sperimentazione su un farmaco chiamato Remdesivir, già impiegato in alcuni pazienti, uno dei pochi per cui sussista un’evidenza sperimentale di possibile efficacia, almeno in modelli di laboratorio, nei confronti dei coronavirus. Saranno coinvolti inizialmente cinque ospedali, ma l’idea è quella di allargare le strutture interessate dallo studio.

Secondo Massimo Galli – Past President SIMIT (Società Italiana di Malattie Infettive e Tropicali) e Direttore Divisione Clinica di Malattie Infettive AO- Polo Univ. Luigi Sacco:  “Nella situazione di totale carenza di farmaci, l’impiego di Remdesivir compassionevole ha dato una possibile speranza per l’identificazione di una terapia che potesse avere un’efficacia anche nei pazienti con infezione da nuovo coronavirus (Sars 2 corononavirus)”.

“È evidente che nei pazienti da Sars 2 coronavirus non è facile poter determinare il grado di efficacia di questo farmaco in contesto di uso compassionevole e quindi sarà estremamente importante disporre dei dati di protocolli di sperimentazione clinica che si stanno avviando in queste ore. In modo particolare, questi due protocolli potranno vedere in due bracci con diversa durata di terapia l’efficacia di Remdesivir in pazienti con polmonite da coronavirus associata a compromissione della funzionalità respiratoria e pazienti con polmonite da coronavirus ma non ancora associata a una alterazione della saturazione di ossigeno rilevante. Questa possibilità ci consentirà di poter determinare con ragionevole sicurezza la validità dell’approccio terapeutico anche nei pazienti con minor compromissione in relazione a quello che si può definire lo standard of care e cioè le altre opzioni terapeutiche che stiamo utilizzando”.

È il primo protocollo di ricerca controllato che viene posto in atto per la determinazione dell’efficacia di un farmaco di questa specifica condizione clinica.

L’anti-artrite che viene donato

Nelle forme più severe di infezione da coronavirus, poi, si può avere una fortissima infiammazione capace di risultare alla fine la vera causa dell’aggravamento e del diffondersi della polmonite, con i maggior danni.

A mediare queste infiammazioni sono le citochina, particolari composti che le sostengono. In Cina, proprio per frenare questa evoluzione (quindi in casi specifici) è stato registrato a tempo di record per questa indicazione tocilizumab, un anticorpo monoclonale messo a punto da Roche e approvato da qualche tempo per la cura dell’artrite reumatoide.

Il medicinale agisce non sul virus ma su una citochina, chiamata Interleuchina-6 o IL-6, inibendo il recettore specifico di questa citochina. La buona notizia è che Roche, l’azienda che produce tocilizumab, ha deciso di rispondere innanzitutto al bisogno più urgente indotto dalla pandemia: la necessità di disporre di farmaci utili a contrastare l’aggravamento delle condizioni di salute dei pazienti positivi al virus SARS-CoV-2.

Il gruppo si impegna a fornire gratuitamente per il periodo dell’emergenza, tocilizumab a tutte le Regioni che ne facciano richiesta, fatte salve le scorte necessarie a consentire la continuità terapeutica ai pazienti affetti da patologie per cui il prodotto è autorizzato. Il farmaco, attualmente impiegato per il trattamento dell’artrite reumatoide, non è indicato per il trattamento della polmonite da Covid-19, ma la comunità scientifica sta dimostrando interesse al suo utilizzo dopo l’inserimento nelle linee guida cinesi.

Federico Mereta

Federico Mereta Giornalista Scientifico Laureato in medicina e Chirurgia ho da subito abbracciato la sfida della divulgazione scientifica. Raccontare la scienza e la salute è la mia passione, perchè credo che la conoscenza sia alla base di ogni nostra scelta. Ho collaborato e ancora scrivo per diverse testate, on e offline.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Sars2-CoV-2019, i farmaci che potranno aiutarci contro il coronavirus