Infezione da Sars2-CoV-2019, un dizionario per capire il coronavirus

Tutto quello che occorre sapere per proteggersi dal coronavirus: sintomi, prevenzione, test, vaccino

Federico Mereta Giornalista Scientifico

Quando compare una nuova malattia infettiva, come sta avvenendo, si rischia di essere vinti dall’ansia. E spesso questa nasce dalla scarsa conoscenza del “nemico”, che invece va combattuto soprattutto sapendo il più possibile di cosa si parla. Ecco quindi, in sintesi, una sorta di dizionario utile per muoversi nel delicato mondo dell’infezione da coronavirus.

Le parole da conoscere

V come Virus. Il virus che provoca la malattia Covid-19 fa parte dei coronavirus, che possono dare quadri come un semplice raffreddore oppure coinvolgere l’apparato respiratorio e indurre una polmonite, più raramente. Anche questo ceppo sembra comportarsi in questo modo: in circa quattro casi su cinque l’infezione e decorre come una comune influenza, in un 15 per cento dei casi appare più grave e può richiedere il ricovero e  in un 5 per cento dei casi decorre in modo grave, con una letalità elevata.

L come letalità. Non bisogna confondere letalità e mortalità. Con il termine tasso di letalità si esprime il rapporto tra morti per una malattia e il numero totale di soggetti che l’hanno sviluppata. Al contrario il tasso di mortalità si riferisce all’intera popolazione. Ovviamente per il Coronavirus il tasso di letalità è più elevato rispetto al tasso di mortalità, anche se a volte queste parole si usano come sinonimi.

Q come Quarantena. Siamo ritornati ad un termine “antico”. Si tratta di una misura che dovrebbe essere definita contumacia: prevede l’isolamento e l’obbligo di rimanere in ospedale o nella propria casa per un periodo definito dalle autorità sanitarie. Si applica su persone non sintomatiche, quindi teoricamente sane.

A come Anticorpi. Si presentano in risposta allo stimolo indotto al sistema immunitario dell’organismo da un’infezione. Si sviluppano in reazione alla presenza degli antigeni, cioè proteine o loro frammenti specifici del virus. Per questo dopo un’infezione vengono testati gli anticorpi per il virus in questione mentre prima di fa un test (il tampone), per capire se si è entrati in contatto con il virus.

S come sintomi. I disturbi classicamente legati all’infezione da Sars2-CoV-2019 sono febbre, problemi respiratori, tosse e mal di gola. Ma non sempre questi si presentano con la stessa gravità. Ci sono persone che praticamente non hanno fastidi ed altre che invece arrivano alle forme più gravi. Questo può dipendere da un sistema immunitario più reattivo che risponde meglio all’infezione oltre che alla carica virale: chi riceve una carica infettante maggiore può infatti presentare sintomi più gravi rispetto a chi è sottoposto a una carica infettante minore. Ovviamente, poi, conta lo stato di salute generale delle persone e l’età.

V come Vaccino. Lo aspettiamo tutti, con ansia, ma non sarà disponibile a brevissimo. La ricerca va avanti a passi da gigante e stanno iniziando le sperimentazioni su diversi candidati ma, oltre ai tempi necessari per lo sviluppo, poi occorrerà produrlo su larga scala. Con il vaccino si punta a stimolare la produzione di anticorpi capaci di bloccare la replicazione del virus una volta che è entrato nell’organismo.

I come Igiene. L’igiene personale è la prima difesa contro l’infezione. Occorre lavarsi le mani frequentemente e mantenere due metri di distanza dalle persone, specie se tossiscono o hanno frequenti starnuti. Il virus si trasmette preferenzialmente con la saliva infetta.

R come Reinfezione. Esiste in teoria la possibilità che una persona che ha superato l’infezione da Sars2-CoV-2019 possa ripetere l’infezione, ma non appare un rischio particolarmente significativo. In ogni caso, normalmente dopo una qualsiasi infezione il corpo “memorizza” le caratteristiche del virus e quindi in caso di nuovo incontro dispone di anticorpi specifici. Anche in caso di nuovo “attacco”, quindi i sintomi sono destinati ad essere molto più leggeri o assenti.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Infezione da Sars2-CoV-2019, un dizionario per capire il coronavirus