I cibi da non consumare mai crudi: la lista dell’esperto

Wurstel, frutti di mare, uova e gli altri cibi da non mangiare mai crudi perché pericolosi: i consigli della nutrizionista Donatella Militerni di MioDottore

I cibi crudi hanno molto proprietà benefiche. Ad esempio contengono più principi attivi, come vitamine, sali minerali ed enzimi, rispetto ai cibi cotti. Sono più digeribili e aiutano a mantenere il peso forma.

D’altro canto, se consumati senza le dovute accortezze, potrebbero essere molto pericolosi per la salute. La dottoressa Donatella Militerni, nutrizionista di MioDottore, ci indica gli alimenti che  non vanno assolutamente mangiati crudi e i rischi che comportano:

Il Pesce
Il pesce può essere consumato crudo solo se preventivamente abbattuto, cioè lasciato 24 ore in congelatore a -20°. Il procedimento serve ad eliminare la larva di un verme parassita di diversi organismi marini chiamata Anisakis; se viene ingerita viva può provocare reazioni di tipo allergico più o meno gravi, fino a forti dolori addominali. Inoltre, il pesce crudo può essere veicolo di tossinfezioni causate da microrganismi tipo: Salmonella e Stafilococco solo per citare i più comuni.

Frutti di mare
Sono portatori di agenti patogeni come Escherichia coli o Salmonelle, questi microrganismi albergano nei mitili anche se vengono coltivati in condizioni di estrema sicurezza. Per poterli mangiare con serenità dobbiamo farli cuocere almeno 10 minuti.

La Carne
Anche se la carne che consumiamo è sottoposta ad accurati controlli, per il suo contenuto in proteine, grassi e carboidrati rappresenta un terreno di coltura ideale per lo sviluppo di batteri e parassiti pericolosi per la nostra salute. La carne bovina comporta meno rischi di quella di pollo o di suino. Se proprio vogliamo gustare una tartare, dobbiamo lasciarla esposta a temperatura ambiente il meno possibile per evitare contaminazioni.

I Wurstel
Vanno consumati sempre cotti per due motivi: il primo riguarda la presenza di conservanti che sono tossici per la nostra salute e che, invece, vengono neutralizzati quasi del tutto dalla cottura. Il secondo considera la possibilità di una eventuale contaminazione della Listeria, un pericoloso batterio che provoca una grave forma di intossicazione alimentare.

Le Uova
Se le uova sono biologiche o provengono da galline al pascolo possono essere consumate crude perché il rischio di contrarre la Salmonella è molto basso. Il discorso cambia quando le uova provengono da galline allevate in pessime condizioni igieniche, tenute in gabbie sovraffollate e a contatto con i loro escrementi, spesso senza neanche aria a sufficienza. In tal caso le uova vanno consumate solo cotte.

Le Patate
Le patate crude sono potenzialmente tossiche a causa di un composto chiamato solanina; i sintomi dell’intossicazione includono dolori addominali, mal di testa, nei casi più gravi la paralisi. Le patate con un po’ di verde nella buccia oppure quelle che cominciano a germogliare, sono più pericolose perché possiedono un contenuto di solanina più alto.

Funghi Selvatici
Sono difficili da digerire e alcuni sono tossici. La cottura distrugge i composti pericolosi.

Fagioli Rossi
Contengono proteine tossiche per la nostra salute che vengono distrutte durante la cottura.

I cibi da non consumare mai crudi: la lista dell’esperto