Tumore, i batteri della bocca segnalano il rischio di sviluppare il cancro

Studi recenti hanno mostrato il legame tra batteri cattivi e l'insorgenza di neoplasie, come i tumori al pancreas, all'esofago, all'intestino e al seno

Studi recenti hanno messo in evidenza il legame che esiste tra batteri e tumori. O meglio la presenza in bocca di alcuni batteri segnalerebbe il rischio di ammalarsi di cancro. Queste ricerche sono molto importanti perché potrebbero facilitare le diagnosi precoci e dunque salvare vite. Però, come ha spiegato Giampaolo Tortora, professore ordinario di oncologia medica all’Università di Verona e direttore di Oncologia all’azienda ospedaliera universitaria integrata di Verona, ancora non è chiaro se la presenza di questi batteri cattivi sia la causa dell’insorgenza del cancro oppure sia sintomo di un cambiamento che sta avvenendo nel corpo.

In ogni caso è stato provato che esiste un collegamento tra questi microorganismi e i tumori al pancreas, all’esofago, all’intestino e al seno.

I batteri dell’intestino (microbiota) si dividono in cattivi e buoni, questi ultimi sono importanti per il corretto funzionamento del sistema immunitario. Spiega Tortora:

Ci sono evidenze scientifiche che legano la presenza di questi batteri alla risposta alla terapia. Si è cominciato a vederlo con la chemioterapia e si è visto che in pazienti trattati con antibiotici (che uccidono sia batteri dell’infezione ma anche la flora batterica intestinale), alcuni chemioterapici antitumorali (in particolare il cispaltino ma cominciano a essere più di uno) non funzionano, o funzionano male.

Dunque i batteri dell’intestino sono importanti anche per migliorare l’efficacia della chemioterapia. Al contrario i microorganismi cattivi che si annidano nella bocca, oltre a causare infezioni e a ostacolare il lavoro del sistema immunitario, sono sintomo del tumore al pancreas, uno dei più letali e difficili da diagnosticare, perché non presenta sintomi se non in stadi avanzati. L’alterazione del mix di batteri in bocca e in particolare la presenza del Porphyromonas gingivalis e del Aggregatibacter actinomycetemcomitans aumenta il rischio di tumore al pancreas del 60%, secondo quanto definito da uno studio americano. Entrambi i batteri sono noti per essere la causa di paradontite, ossia grave infiammazione delle gengive.

Sempre nella bocca si trovano batteri correlati al cancro all’esofago e all’intestino. Sottolinea Tortora in un’intervista al Corriere della Sera:

Uno studio del 2016 suggerisce che alcuni batteri della bocca che provocano sanguinamenti delle gengive potrebbero aumentare il rischio di cancro intestinale. In particolare il Fusobacterium può viaggiare attraverso il sangue fino all’intestino dove potrebbe innescare il tumore o peggiorarne uno già esistente. Questo batterio è stato rilevato in quantità centinaia di volte maggiori in tessuti cancerosi rispetto a quelli sani.

Fumo e alcol si rivelano ulteriori nemici del corpo. Infatti, alterano i batteri della bocca, aumentando così i fattori di rischio per molte patologie. È quindi importante seguire le regole stilate dagli oncologi sulla prevenzione del cancro.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Tumore, i batteri della bocca segnalano il rischio di sviluppare il&nb...