Tumore alle ovaie: un nuovo esame del sangue per diagnosi veloce

Un nuovo esame del sangue in futuro ci aiuterà a sconfiggere il tumore alle ovaie grazie ad una diagnosi precoce

In futuro il tumore alle ovaie si potrà predire con un esame del sangue, che consentirà una diagnosi precoce.

A confermarlo un gruppo di ricercatori australiani che ha messo a punto una tossina batterica che potrebbe rivoluzionare  le pratiche mediche, aiutando ad identificare velocemente una patologia. Quello alle ovaie è uno dei tumori più diffusi nel mondo femminile, secondo gli ultimi dati sono oltre 150mila le donne che perdono la vita a causa di questo tumore ogni anno in tutto il mondo.

A renderlo pericoloso è soprattutto la difficoltà nel cogliere i segnali, visto che i sintomi spesso si confondono con altri disturbi. Partendo da questo problema gli scienziati del Centro di ricerca per malattie infettive dell’Università di Adelaide in Australia e dell’Istituto per la Glicomica dell’Università Griffith hanno messo a punto un nuovo esame del sangue che consentirà di individuare il tumore alle ovaie.

Nel corso dello studio gli esperti hanno scoperto l’esistenza di una tossina batterica, analizzando la sua interazione con uno zucchero presente sulla superficie delle cellule dei pazienti affetti da cancro alle ovaie. Questo polisaccaride anormale viene rilasciato solitamente nel sangue delle persone malate ed è la chiave per una diagnosi precoce della patologia. I ricercatori hanno infatti ideato una tossina innocua in grado di interagire con lo zucchero, sviluppando un test del sangue in grado di evidenziarla.

Lo studio e i suoi risultati sono stati ampiamente raccontati sulla rivista Biochemical and Biophysical Research Communications. Durante i test svolti in laboratorio e in seguito su donne sane e pazienti malate, gli scienziati hanno dimostrato che l’esame del sangue è altamente efficace ed è in grado di identificare la malattia nel 90% dei casi, anche quando si trova in uno stadio iniziale. “Il cancro alle ovaie è notoriamente difficile da individuare nelle prime fasi, quando vi sono più opzioni di trattamento e i tassi di sopravvivenza sono più alti . hanno rivelato gli esperti -. Il nostro test rappresenta quindi un punto di svolta”.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Tumore alle ovaie: un nuovo esame del sangue per diagnosi veloce