Troppi zuccheri negli alimenti per bambini: allarme dell’OMS

Secondo un'indagine condotta dall'Organizzazione Mondiale della Sanità, negli alimenti per bambini neonati ci sono troppi zuccheri semplici

Nei prodotti alimentari per bambini sotto i 6 mesi ci sono troppi zuccheri.

A lanciare questo gravissimo allarme è l’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità), che ha effettuato un’indagine su ben 7.955 prodotti alimentari per la prima infanzia.

I dati riguardano quattro città campione, ossia Vienna, Budapest, Haifa e Sofia. I risultati dell’indagine hanno portato alla luce la tendenza a commercializzare prodotti alimentari per l’infanzia come adatti anche ai neonati da 0 a 6 mesi.

I numeri in questione variano dal 28 al 60% dei prodotti food per l’infanzia disponibili in commercio nelle varie città.

A livello legale non ci sono illeciti. Si tratta però di una proposta commerciale che non giova alla salute dei più piccoli che, come affermano le linee guida OMS, a 6 mesi dovrebbero essere nutriti con latte materno o con latte artificiale.

In questi casi, si parla di alimenti caratterizzati da tutti i principi nutritivi di cui il neonato ha bisogno. Questo vale soprattutto per le proteine che, fino a pochi anni fa, venivano spesso integrate pensando che quelle presenti nel latte materno non fossero sufficienti.

Come già detto, l’indagine ha evidenziato anche il fatto che gli alimenti destinati ai più piccoli sono caratterizzati da un’eccessiva quantità di zuccheri.

In alcuni casi, le dosi in questione possono arrivare anche al 30% del prodotto, numeri a dir poco alti e per nulla vantaggiosi per la salute.

Questi presupposti rappresentano un terreno pericoloso per quelli che saranno gli adulti di domani, esposti a un rischio molto alto di obesità.

Da diversi anni ormai l’OMS dedica molta attenzione alla problematica dell’obesità infantile, facendo presente per esempio che, per prevenirla, è opportuno contenere l’assunzione di zuccheri semplici entro il 10% dell’apporto energetico quotidiano.

Zsuzsanna Jakab, Direttore Generale dell’OMS Europa, ha commentato i risultati di questo studio sottolineando che una buona alimentazione è fondamentale per assicurare al bambino una crescita e uno sviluppo ottimali, presupposti per la salute in età adulta.

Jakab ha inoltre citato i programmi di prevenzione di sovrappeso, obesità e malattie non trasmissibili legate all’alimentazione come degli obiettivi molto importanti per lo Sviluppo Sostenibile delle Nazioni Unite, finalizzato a garantire vita sana e benessere per tutti a qualsiasi età.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Troppi zuccheri negli alimenti per bambini: allarme dell’OMS