Trapianti rene: le donne più altruiste degli uomini

Quando si parla di trapianti di rene le donne sono molto più altruiste degli uomini. Il sesso femminile sarebbe maggiormente pronto a donare l'organo

Le donne sono più altruiste degli uomini, soprattutto quando si tratta di donare un rene. Lo svela una ricerca europea sui trapianti secondo cui il sesso femminile sarebbe molto più propenso ad aiutare gli altri a sopravvivere grazie alla donazione di un organo.

Secondo i dati raccolti dagli esperti il 36% delle donne di fronte alla necessità di donare il proprio rene al marito malato, non si tira indietro. Il discorso cambia invece quando questo “sacrificio” è richiesto agli uomini, dove solo il 7% sceglie di donare l’organo alla propria compagna.

Lo studio è stato realizzato da Eurotransplant, ente che coordina e monitora i trapianti in ben otto paesi europei, evidenziando una grande differenza fra gli uomini e le donne. Quest’ultime risultano molto più generose e pronte a sacrificarsi per il bene altrui. La differenza fra i due sessi è resa ancora più evidente dal fatto che la maggioranza dei riceventi sono uomini, come dimostra un sondaggio promosso dalla International Society of Nephrology (ISN) e dalla International Federation of Kidney Foundations.

Per gli esperti equivalgono a due terzi dei trapiantati. “Sebbene sia difficile individuare una ragione specifica – ha spiegato Adeera Levin, dell’Università canadese della British Columbia -, l’evidenza suggerisce che le donne sono motivate da obiettivi come l’altruismo e il desiderio di aiutare la loro famiglia a sopravvivere”. Nonostante ciò i dati dimostrano come le donne siano sempre più soggette a malattie renali croniche.

Eppure il sesso femminile riesce comunque a mostrare il suo altruismo e la voglia di difendere la famiglia ad ogni costo. L’ultimo esempio arriva dagli Stati Uniti e dalla storia di una popstar famosa: Selena Gomez. La cantante di origini messicane diversi mesi fa aveva subito un trapianto di rene. A donargli l’organo la sua migliore amica Francia Raisa, che senza esitazioni aveva scelto di aiutarla, consentendogli di sopravvivere al Lupus, la malattia autoimmune che la affligge ormai da anni.

Trapianti rene: le donne più altruiste degli uomini