Tiroide, il freddo può essere un sintomo. E cosa fare in gravidanza

Quando si soffre spesso il freddo, il problema può essere legato all'ipotiroidismo. Questa puntata di "Pillole di Salute quotidiana" ci spiega cosa fare

Federico Mereta Giornalista Scientifico Laureato in medicina e Chirurgia ha da subito abbracciato la sfida della divulgazione scientifica: raccontare la scienza e la salute è la sua passione. Ha collaborato e ancora scrive per diverse testate, on e offline.

Se soffrite particolarmente il freddo, vi sentite stanche e avete preso qualche chilo di troppo, forse è il momento di controllare la tiroide.

Freddo e ipotiroidismo

Innanzitutto, potete fare l’esame del TSH attraverso un prelievo di sangue. Questo offre un primo dato al medico per valutare la situazione. Quando si soffre tanto e spesso il freddo, il problema può essere legato soprattutto all’ipotiroidismo. Nelle donne il quadro è presente mediamente quattro o cinque volte di più che nei coetanei maschi.

In gravidanza e dopo il parto

Spesso queste situazioni non creano nessun problema, ma occorre prestare particolare attenzione soprattutto in gravidanza. Ed è anche importante definire con precisione la situazione in previsione di una dolce attesa perché un compenso ottimale dell’ipotiroidismo materno è necessario e fondamentale per lo sviluppo del feto.

Il momento della gravidanza e il periodo successivo al parto vanno seguiti con attenzione anche sul fronte della gestante perché possono manifestarsi dei fenomeni autoimmuni, cioè la produzione di anticorpi “sbagliata” da parte dell’organismo. E questi auto-anticorpi a volte si scatenano contro le cellule della tiroide.

Tale quadro può avere un decorso rapido e svilupparsi in media da 4 a 12 mesi dal parto, comporta un processo di danno del tessuto tiroideo da parte dello stesso sistema immunitario della persona. Il fenomeno in questo caso porta però alla liberazione dell’ormone tiroideo e quindi a una situazione potenzialmente contraria rispetto a quella che abbiamo visto prima. Ci possono essere la stanchezza ma anche l’agitazione e il cuore che batte forte in gola.

In genere però a questa situazione può davvero far seguito a un quadro di ipotiroidismo che però spesso è solo transitorio e può rimanere in una parte dei casi. È quindi complesso comprendere cosa accade alla tiroide, per questo deve essere sempre il medico a fare la diagnosi e a capire come comportarsi.

Per seguire la Pillola di Salute quotidiana “Tiroide e freddo”, clicca e ascolta qui

“Pillole di Salute quotidiana” è la serie in podcast di DiLei TakeCare, a cura di Federico Mereta. In ogni puntata si parla di prevenzione, cure e buone abitudini.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Tiroide, il freddo può essere un sintomo. E cosa fare in gravidanza