Malattie, non siamo uguali agli uomini: quando la donna rischia di più

Dalla sclerosi multipla alla celiachia fino alla candida e al papilloma virus: alcune patologie interessano maggiormente il sesso femminile

Quando si pensa alle disparità tra uomo e donna, si è spesso portati a riferirsi alla sfera economica o a quella sociale. Ma anche per quanto riguarda la salute e la malattia esistono rilevanti differenze fra i due sessi: esistono alcune malattie, per esempio, che colpiscono più le donne rispetto agli uomini e con conseguenze più gravi.

Un esempio è la sclerosi multipla, che interessa tre volte in più le donne che non gli uomini. Si manifesta solitamente tra i 20 e i 40 anni e, tra i primi sintomi accusati, ci sono intorpidimento muscolare, paralisi e disturbi della vista. Anche la sindrome da stanchezza cronica viene riscontrata più spesso nelle donne, precisamente il quadruplo delle volte rispetto agli uomini: si manifesta con forte stanchezza, dolori muscolari, insonnia e problemi di memoria.

Il lupus, una patologia autoimmune a causa della quale le cellule del sistema immunitario attaccano i tessuti sani di pelle e articolazioni, nel 90% dei casi colpisce le donne. Lo stesso accade per la sindrome dell’intestino irritabile, quasi esclusivamente una malattia femminile: sono il 35% delle volte riguarda un uomo. La celiachia, inoltre, colpisce donne nel 60-70% dei casi. Malattie come depressione o disfunzioni alimentari colpiscono in prevalenza donne, come anche i problemi generati da malfunzionamento dell’apparato cardiovascolari: dall’infarto all’ictus.

Le differenze anatomiche esistenti tra uomini e donne, secondo i dati dell’U.S. Department of Health and Human Service, fanno sì che queste ultime siano più soggette a contrarre malattie sessualmente trasmissibili come candida, clamidia o papilloma virus. Bisogna fare attenzione però: il fatto che le donne siano più a rischio non significa che gli uomini ne siano immuni.

Anche per quanto riguarda il tumore al seno bisogna fare attenzione: spesso si ritiene che possa interessare solo le donne e che sia impossibile riscontrarlo in un uomo. Non è così: nonostante le donne siano molto più a rischio, non sono rari i casi in cui ad essere colpiti sono gli esponenti dell’altro sesso.

Malattie, non siamo uguali agli uomini: quando la donna rischia di&nbs...