Il latte materno protegge dall’obesità infantile anche grazie alla betaina

Il latte materno può offrire una serie di componenti davvero utili per il neonato, in termini di controllo del peso: tra questi la betaina

Federico Mereta Giornalista Scientifico

È il primo alimento. Senza alcun dubbio. Per chi nasce, il latte materno rappresenta il cibo ottimale. E l’allattamento materno è una valida strategia per i primi mesi in buona salute e per porre le basi per il benessere futuro. In particolare, pare proprio che essere allattati al seno possa limitare i rischi (ovviamente non azzerarli, visto il ruolo dell’ambiente e dell’alimentazione futura) di sviluppare obesità.

Ad aggiungere un tassello nel mosaico delle conoscenze sul tema giunge ora una ricerca internazionale che collega la “ricchezza” del latte in una determinata sostanza, la betaina, con la tendenza per il bambino a mantenere sotto controllo il peso. Si tratta di un dato ancora iniziale, ma sicuramente interessante, anche perché gli scienziati internazionali europei ed americani che hanno condotto lo studio ne hanno pubblicato il resoconto su una rivista importante come Science Translational Medicine.

Il “mistero” della betaina

Normalmente la betaina è contenuta in alimenti come la quinoa, i broccoli, gli spinaci e più in generale nei cibi integrali. L’ipotesi è che poi, influendo sul microbiota, possa aiutare nel controllo del peso, non solo nella donna ma anche nel neonato che l’ha a disposizione proprio grazie al latte materno.

Lo studio dimostra infatti che esisterebbe un rapporto tra il quantitativo di betaina presente nel latte materno e la possibilità di sviluppare obesità nei piccoli. È stato studiato il latte di una popolazione di donne e si è visto che quando queste mangiavano cibi più ricchi di betaina tendevano ad avere maggiori quantità della sostanza nel latte e che i piccoli che ne consumavano di più vedevano calare, seppur di poco, le probabilità di diventare “cicciottelli”.

Da questa osservazione è poi partita un’indagine sperimentale su animali cui sono state offerte diete con surplus di betaina prima del parto e conseguente incremento di betaina nel latte delle nutrici. Si è visto che man mano che i cuccioli crescevano, quelli allattati al seno con livelli più alti di betaina avevano meno probabilità di diventare obesi pur se nutriti con una dieta ricca di grassi. Non solo: anche da adulti, gli animali che avevano visto le madri integrare l’alimentazione con betaina (e conseguente ripercussione sul latte materno) avevano un peso mediamente di poco inferiore rispetto ai coetanei.

Come spiegare questo fenomeno? Al momento si parla solo di ipotesi. Ma pare proprio che ci sia un ruolo giocato dai batteri presenti nell’intestino, ovvero il microbiota, in qualche modo influenzato proprio dalla betaina. Si è visto infatti che i topi che consumavano latte materno con alti livelli di betaina avevano livelli più alti di batteri intestinali del genere Akkerrmansia: questi ceppi batterici sono stati da tempo correlati con un miglior controllo del peso, non solo negli animali ma anche nell’essere umano.

I vantaggi dell’allattamento

Il latte materno, insomma, può offrire una serie di componenti davvero utili per il neonato, in termini di controllo del peso. permette infatti di offrire nutrienti e sostanze in grado di esercitare effetti anche sul microbiota intestinale. oltre a favorire lo sviluppo di un sistema immunitario efficienti, pare proprio che i microrganismi presenti nel latte sarebbe correlabile alla composizione del microbiota materno. Ovviamente, poi, con il latte materno si offrono altri composti che agiscono sui batteri dell’intestino del piccolo. Basti pensare agli oligosaccaridi, terzo componente più abbondante nel latte materno dopo lattosio e lipidi e possono influenzare in modo selettivo la crescita e la funzione del microbiota. E si tratta solo di un esempio.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Il latte materno protegge dall’obesità infantile anche grazie alla ...