Insonnia e memoria: gli effetti del profumo di rosa

Dormire bene consolida i ricordi: una ricerca indaga gli effetti positivi del profumo sul sonno e la memoria

Federico Mereta Giornalista Scientifico

Vi sentite scariche? Fate fatica ad addormentarvi e a riposare il giusto, con conseguente irritabilità e stanchezza di giorno? Fatevi regalare un bel mazzo di rose e chiedete al vostro innamorato di riempirvi di fiori fino a farla diventare una costante ambientale nella vostra camera da letto e nell’area in cui dovete “incorporare” le informazioni e farle diventare ricordi. Probabilmente gli effetti di questa semplice – e piacevole – misura possono aiutarvi a riposare e ricordare meglio.

Il profumo rafforza la memoria

Una ricerca coordinata da Jürgen Kornmeier e Franziska Neumann dell’Università tedesca di Friburgo, pubblicata su Scientific Reports, rivela chiaramente come l’azione di un aroma possa essere estremamente importante per rinsaldare i ricordi e rendere più efficace e riposante il sonno notturno, periodo durante il quale avviene una vera e propria “messa in deposito” delle esperienze che vogliamo tenere a mente con la conseguente “pulizia” di quanto invece non serve mantenere in memoria.

Lo studio, che non permette di trarre conclusioni definitive ma che presenta comunque un’ipotesi di lavoro interessante, ha preso in esame 54 studenti di scuola superiore cui è stato chiesto di prepararsi ad una lezione di termini inglesi tenendo vicini bastoncini che emanavano profumo di rosa.

Dopo una settimana quegli stessi termini hanno fatto parte di una prova d’esame e gli studenti sono stati divisi in quattro gruppi: nel primo, di controllo, non è stato proposto alcun profumo, nel secondo l’aroma di rosa è stato messo a disposizione nello studio a casa e durante il test, nel terzo ha pervaso la stanza sia durante la preparazione a casa sia durante la notte, ma non nel corso dell’esame, nel quarto oltre a questa “preparazione” diurna e notturna si è aggiunta anche la presenza del profumo durante l’esame.

Ebbene, gli studenti del terzo e del quattro gruppo hanno ottenuto risultati migliori nella prova di memoria delle parole da conoscere, mentre in quelli che limitavano la presenza del profumo durante lo studio e all’esame non hanno avuto alcun vantaggio. Addirittura le prestazioni sarebbero aumentate anche fino al 30 per cento quando il profumo si è diffuso nell’ambiente durante le ore di studio e, soprattutto, la notte.

Il ricordo si consolida di notte

In pratica, la ricerca conferma un’ipotesi già ben strutturata. Il profumo può favorire il mantenimento della memoria a lungo termine, quella che si “deposita” nel cervello. Ogni giorno, infatti, riceviamo un numero innumerevole di stimoli: in primo luogo questi “passano” nella memoria a breve termine, entrando attraverso gli occhi, l’olfatto, l’udito ed anche il gusto. Poi però solo una minima quota di questa cose viene immagazzinata e diventa disponibile nel ricordo anche dopo qualche tempo.

Questo processo avviene soprattutto di notte, e quando riposiamo bene. Il sonno facilita i processi di apprendimento e di consolidamento della memoria perché i ricordi sembrano fissarsi meglio quando si riposa. In particolare si è visto che  durante il sonno a onde lente, il cosiddetto sonno non REM, i neuroni stimolati in veglia nel corso di un processo di apprendimento sembrano riattivarsi  e rinforzare i loro collegamenti, favorendo i processi di memorizzazione.

Sintesi finale: il sonno è una sorta di “rigenerante” per le cellule nervose, che nel corso della giornata si “riempiono” di informazioni come i cassonetti della nettezza urbana e creano quindi nuove connessioni. Con il riposo verrebbero invece  eliminati  i collegamenti inutili che durante il giorno si creano tra le cellule nervose. Il sonno, quindi, potrebbe essere un valido meccanismo perché il cervello metta in ordine le sue competenze. Con un bel mazzo di rose e con il loro profumo che si diffonde nell’ambiente, dormire meglio – e ricordare – potrebbe essere più semplice.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Insonnia e memoria: gli effetti del profumo di rosa