Gastrite di primavera: alimenti da evitare e i consigli per digerire meglio

Questa puntata di "Pillole di Salute quotidiana" ci spiega cosa fare in caso di gastrite: quali cibi eliminare e come aiutare la digestione camminando

Federico Mereta Giornalista Scientifico

In primavera per chi non è in forma col proprio stomaco, è più facile che compaia la gastrite con dolori e acidità di stomaco. Si tratta infatti di una stagione a rischio. Fumatori, bevitori e chi per necessità assumono spesso farmaci che possono danneggiare la mucosa dello stomaco sono i soggetti “più in pericolo”.

L’importante è sapere come difendersi e giocare d’anticipo. Se si soffre di gastrite, bisogna prestare attenzione in particolare all’alimentazione.

Cosa mangiare

Evitare ricette troppo elaborate, in particolare se si prevedono cibi fritti, e masticare con calma se lo stomaco è sensibile. La classica frittura può creare problemi allo stomaco visto che si verifica un processo che viene definito di imbrunimento degli enzimi e coinvolge proteine e carboidrati. Il risultato è che il cibo è più difficile da digerire.

Inoltre in chi soffre di gastrite occorre fare attenzione anche ai grassi alimentari, visto che tendono a rallentare il transito gastroduodenale per azione della colecistochinina che inibisce l’appetito e aiuta gli alimenti a rimanere più a lungo nel processo digestivo.

Peggio se si aggiungono salse o simili, soprattutto se aggiunte a porzioni robuste. Sulle spezie bisogna fare attenzione, in particolare al pepe che può avere un’azione irritante sulla mucosa. Attenzione anche alla menta, ai capperi e alla pasta di acciughe.

Bisogna dare il tempo giusto ad ogni pasto. Dobbiamo evitare l’alimentazione rapida, perché l’eccessiva velocità nel trangugiare i cibi non permette la formazione corretta del bolo alimentare nella bocca e quindi la digestione diventa sempre più lenta.

Consigli pratici

È consigliabile mangiare lentamente, consumare pasti poco voluminosi, fare una passeggiata dopo aver mangiato, evitare alcolici, in particolare superalcolici, non abusare di caffè e astenersi dal fumo. E soprattutto non bisogna esagerare a tavola, cercando di ridurre i piatti e i grassi.

Limitate alimenti che possono stimolare la produzione di acidi come il caffè, le bevande gassate, il cioccolato, il brodo e gli estratti di carne, attenzione ai cibi irritanti per la mucosa, come pepe, senape e chiodi di garofano. Fate pasti leggeri e fate attenzione ai vestiti troppo stretti. Preparate regolarmente una radice di zenzero bollita aggiungendo un pizzico di miele, consumando questa soluzione dopo un pasto particolarmente sostanzioso. Ma tenete presente che dovete sempre rivolgervi al medico.

Per seguire la Pillola di Salute quotidiana “Gastrite di primavera”, clicca e ascolta qui

“Pillole di Salute quotidiana” è la serie in podcast di DiLei TakeCare, a cura di Federico Mereta. In ogni puntata si parla di prevenzione, cure e buone abitudini.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Gastrite di primavera: alimenti da evitare e i consigli per digerire m...