Eroina: effetti e rischi

L'eroina è una droga derivata dalla morfina. Ci sono varie tipologie d'assunzione, gli effetti sono vari, il rischio dipendenza, di overdose e di morte è sempre elevato

L’eroina è una sostanza illegale e altamente letale, in cui i rischi di dipendenza, di overdose e addirittura di morte sono molteplici. Questa sostanza, viene derivata dalla morfina, una resina presente nel papavero da oppio e infatti rientra nella categoria degli oppiacei. Chi ne faceva uso in principio, ne determinò questo nome per darle il valore di sostanza “eroica” a causa degli effetti che provocava. Negli anni ’90, infatti, provocò un elevato tasso di mortalità dei tossicodipendenti.

Ci sono tante tipologie e varianti dell’eroina, questa può avere un’aspetto di polvere bianca o più scura (quando viene mescolata ad altre sostanze velenose) oppure essere appiccicosa e tendente al nero. Nella maggior parte dei casi viene somministrata tramite un’iniezione endovenosa, o tramite inalazione diretta nelle vie nasali (sniffata) oppure tramite fumi ricavati dalla sua combustione.

Gli effetti sono molti e vari, inizialmente possono manifestarsi stati di euforia, quello sballo ricercato in modo ossessivo dai drogati, in cui apparentemente ci si può sentire meglio, più socievoli, più felici, più prestanti nella sfera sessuale. Ma il piacere è solo una cessazione temporanea del dolore (pochi minuti) e a lungo andare compaiono tantissimi disturbi psico-fisici, tra cui, appunto, una dipendenza fortissima e spesso estrema con forti malesseri, inquietudini e dolori atroci alle ossa nei casi di astinenza. Per un’ overdose, nel caso non si intervenga subito, la morte è quasi certa. Ad oggi viene, purtroppo, utilizzata da tantissimi tossicodipendenti in tutto il mondo e nelle città più pericolose.

Purtroppo chi consuma queste sostanze, non riesce a uscire dal tunnel, non è realmente a conoscenza dei rischi che sta correndo e della reale potenza che la droga ha sul loro corpo. La condivisione degli strumenti per drogarsi è un veicolo di numerose malattie e infezioni, come la più diffusa AIDS. Il sistema immunitario viene “bombardato” dalla sostanza che, automaticamente e con un effetto devastante, danneggia la salute del consumatore e lo conduce ad un aspetto orribile, preannuncio della morte.

E’ questa la verità, non c’è nessun effetto realmente positivo in ciò che si definisce droga. L’eroina porta alla morte e una volta dentro, non è facile smettere di drogarsi se non lo si vuole davvero. La tossicodipendenza è una prigione, non è un posto divertente, non ci sono amici, non aiuta a sfuggire da nulla. Piuttosto la droga insegue, riduce una persona in un niente, diviene una presenza costante, angosciosa e dolorosa nella vita di chi ne fa uso e che non riesce a liberarsi mai dal desiderio perenne di avere una dose.

Eroina: effetti e rischi