Distacco della retina, cosa lo provoca e i sintomi

Questa puntata di "Pillole di Salute quotidiana" ci spiega perché e come avviene il distacco della retina

Foto di Federico Mereta

Federico Mereta

Giornalista Scientifico

Laureato in medicina e Chirurgia ha da subito abbracciato la sfida della divulgazione scientifica: raccontare la scienza e la salute è la sua passione. Ha collaborato e ancora scrive per diverse testate, on e offline.

Che cos’è la retina

Immaginate un foglietto sottile di carta velina, la retina umana è fatta da una sequenza di strati con funzioni specializzate; ci sono i fotorecettori sensibili alla luce e quelli sensibili al colore. La loro distribuzione non è uniforme, sono massimamente concentrati nella parte centrale della retina, che si chiama macula, e man mano che ci si sposta verso la periferia, la densità dei fotorecettori diminuisce.

Per seguire la Pillola di Salute quotidiana “Il distacco della retina”, clicca e ascolta qui

Perché possa funzionare bene, la retina deve essere aderente, cioè attaccata in tutti i punti all’epitelio pigmentato. Però, non c’è una sorta di colla alla base della aderenza della retina, ma un meccanismo di aspirazione da parte dell’epitelio pigmentato. Questa aderenza è fondamentale, perché se aderisce bene, si nutre bene.

Perché si rompe la retina

Una rottura della retina non equivale automaticamente al distacco della stessa, anche se ne può rappresentare il precursore. In genere la rottura della retina viene causata dal distacco del corpo vitreo, meno spesso si accompagnano a modificazioni meno importanti.

Esistono vari tipi di rottura della retina che possono essere diverse tra loro per forma, sede e dimensioni. Ci possono essere dei fori retinici che sono rotondi, delle rotture a forme di cavallo, delle rotture più ampie, più lacerazioni possono presentarsi contemporaneamente oppure a breve distanza.

I sintomi di una rottura della retina si possono confondere con quelli del distacco del corpo vitreo che l’ha provocata. La rottura della retina è una porta aperta per il fluido vitreale che si può insinuare sotto la retina e iniziare a scollarla. Ci sono però rotture che restano in equilibrio per molto tempo, senza portare al distacco.

Cosa causa il distacco della retina

Come detto, il fluido vitreale si insinua sotto la retina e inizia a scollarla. Un distacco di retina può mantenersi circoscritto ma tende a estendersi. La persona ha la sensazione di una sorta di tenda scura laterale la cui localizzazione sarà opposta alla sede reale del distacco della retina. Se il distacco progredisce fino alla macula, si ha un calo della vista molto brusco con un’acuità visiva che scende quasi di colpo.

C’è una grande variabilità nella progressione dei distacchi di retina. In alcuni casi si verificano in poche ore, in altri tendono ad autolimitarsi e magari a non essere percepiti per diverso tempo. Questo è influenzato da diversi fattori, tra i quali il riposo.

“Pillole di Salute quotidiana” è la serie in podcast di DiLei TakeCare, a cura di Federico Mereta. In ogni puntata si parla di prevenzione, cure e buone abitudini.