Diabete tipo 2, si può guarire con la dieta

Secondo uno studio dell'Università di Cambridge, per apprezzare una remissione della patologia può bastare la perdita del 10% del peso corporeo

I pazienti con diabete di tipo 2 possono guarire grazie alla perdita del 10% circa del proprio peso corporeo entro pochi anni dalla diagnosi.

Questa è la principale conclusione di uno studio condotto da un team scientifico attivo presso l’Università di Cambridge. I dettagli in merito sono stati pubblicati sulle pagine della rivista Diabetic Medicine.

Il rapporto tra la remissione del diabete di tipo 2 e il dimagrimento è stato più volte oggetto di indagini da parte della comunità scientifica internazionale.

Fino ad ora, gli esperti si erano però concentrati sugli effetti di perdite di peso notevoli, come per esempio quelle successive agli interventi di chirurgia bariatrica. La portata innovativa dello studio dell’Università di Cambridge è legata al fatto che il team di ricerca si è focalizzato sulle conseguenze che può avere sul diabete un dimagrimento molto contenuto. I risultati sopra ricordati sono stati raggiunti monitorando la situazione di un campione di 867 individui di età compresa tra i 40 e i 69 anni e con diagnosi di diabete.

A un follow up di 5 anni dalla diagnosi, in 257 casi è stata evidenziata una remissione della grave patologia metabolica, fattore di rischio per i problemi cardiovascolari. Analizzando le oscillazioni del peso e la dieta seguita, i membri dell’equipe scientifica hanno scoperto una correlazione tra la suddetta remissione e una perdita di peso corporeo pari a circa il 10%. Per i soggetti in questione, le probabilità di guarigione sono risultate doppie rispetto a quelle degli individui che non avevano perso peso o risultavano ingrassati.

Questo importante risultato è stato commentato dal Professor Simon Griffin, membro dell’Unità di Epidemiologia del prestigioso ateneo inglese. L’accademico, autore senior dello studio, ha ricordato come le conclusioni ottenute rafforzino l’importanza di tenere sotto controllo il peso corporeo sia tramite il miglioramento della qualità della dieta, sia attaverso l’incremento dell’attività fisica.

L’esperto ha sottolineato anche le forti complicanze a cui è associato il diabete di tipo 2, facendo però presente che, come dimostrato dai risultati appena illustrati, la patologia si può controllare e addirittura sconfiggere.

Per aiutare i pazienti con diagnosi di diabete di tipo 2 a gestire in maniera ancora più efficace la perdita di peso, il team dell’Università di Cambridge non si è fermato e ha iniziato a lavorare nell’agosto del 2018 allo studio GLoW (Glucose Lowering Trough Weight Management).

Lo studio in questione, che prevede il reclutamento di 576 soggetti adulti sovrappeso e obesi a cui è stato diagnosticato il diabete, ha lo scopo di valutare gli effetti di un programma di gestione del peso personalizzato e basato su aspetti comportamentali. Il fine ultimo è quello di capire se può aiutare a raggiungere risultati migliori nell’abbassamento dei livelli di glucosio rispetto alle sole politiche di educazione alimentare.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Diabete tipo 2, si può guarire con la dieta