Cuore e Covid-19, l’importanza della vaccinazione per l’influenza

Infarto, occorre puntare sulla prevenzione. E in epoca di Covid-19 diventa fondamentale la vaccinazione per l'influenza stagionale

Federico Mereta Giornalista Scientifico

Usa il cuore. Per battere.  A lanciare l’appello è la World Heart Federation in occasione della Giornata Mondiale del cuore, che si celebra il 29 settembre. Il richiamo è mirato a prestare maggior attenzione al proprio cuore, soprattutto in chiave di prevenzione e senza aver paura di ricorrere all’ospedale quando si presentano sintomi che possono far pensare ad un infarto, come il dolore al petto che risale verso la gola e le braccia. Il tempo, infatti, è fondamentale per la prognosi dell’attacco cardiaco. Ma occorre anche puntare sulla prevenzione e mai come quest’anno, in epoca di Covid-19, appare fondamentale la vaccinazione per l’influenza stagionale. A dirlo è una ricerca italiana.

I rischi per chi soffre di cuore

I cardiopatici sono più esposti allo sviluppo di forme gravi d’infezione da Covid-19 e quindi più vulnerabili. Se a questo aggiungiamo la paura di andare incontro a problemi che dovrebbero essere affrontati dal medico ma che magari vengono sottovalutati per il timore di andare all’ospedale, ecco che si rischia di avere danni davvero seri per il cuore.

Uno studio del Centro Cardiologico Monzino dimostra che, nel periodo del lockdown, le regioni Italiane con un più alto tasso di copertura della vaccinazione anti-influenzale nella popolazione degli ultra 65enni mostravano un minor numero di contagi, un minor numero di pazienti ricoverati con sintomi, così come un minor numero di pazienti ricoverati in terapia intensiva e di decessi per Covid-19.

I dati, appena pubblicati su Vaccines, una rivista internazionale del gruppo “Multidisciplinary Digital Publishing Institute”, supportano l’ipotesi che la vaccinazione antiinfluenzale possa aiutare a prevenire la diffusione del Covid-19. Anche se sono necessari ulteriori studi ad hoc per confermare l’ipotesi, lo studio fornisce un’ulteriore base scientifica alle raccomandazioni di tutte le autorità sanitarie, a partire dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, che esortano la popolazione a sottoporsi, soprattutto quest’anno, al vaccino antiinfluenzale.

“Il mondo della cardiologia è stato, come gli altri, devastato dall’ondata di Covid-19 e la mancanza di vaccini e farmaci in grado di arginarla ci ha spinto a cercare delle alternative per rispondere all’attacco della pandemia – spiega Damiano Baldassare, coordinatore dello studio, Responsabile dell’Unità per lo Studio della morfologia e della funzione arteriosa del Monzino, e Professore associato del Dipartimento di Biotecnologia Medica e Medicina Traslazionale dell’Università di Milano – In vista di una imminente seconda ondata virale ci siamo concentrati sull’ipotesi, avanzata da diversi scienziati, circa il ruolo del vaccino antiinfluenzale nel ridurre la diffusione di COVID-19”.

Due virus diversi, che si trasmettono allo stesso modo

Il virus dell’influenza e il Sars-CoV-2 hanno vie di trasmissione simili, inoltre hanno alcuni sintomi in comune. Ma sono molto differenti in termini di gravità e mortalità in caso di infezione, e in termini di gruppi di età colpiti. L’influenza contagia soprattutto bambini e adolescenti, mentre Covid-19 si manifesta in modo più serio prevalentemente nei soggetti più anziani.

Una possibile spiegazione potrebbe essere che i più giovani hanno un sistema immunitario più reattivo e rafforzato dall’esposizione agli agenti virali o agli antigeni contenuti in molti vaccini pediatrici (anti morbillo, varicella, scarlattina, rosolia, epatite B, papilloma virus…). I vaccini possono innescare meccanismi positivi di risposta immunitaria “non -specifica”, migliorando la capacità di reazione del sistema immunitario nel suo insieme.

“Nel nostro studio – spiega  Mauro Amato, ricercatore del Centro Cardiologico Monzino e primo autore dell’articolo – abbiamo confrontato, regione per regione, i tassi di copertura vaccinale negli over 65 con il numero di contagi e altri 3 indici di severità clinica della malattia: il numero di ospedalizzazioni per Covid-19, il numero di soggetti ricoverati in terapia intensiva e il numero di soggetti deceduti per l’infezione. Tutte le analisi hanno confermato che i tassi di diffusione e la gravità del virus Sars-CoV-2 sono inversamente proporzionali al tasso di vaccinazione antiinfluenzale: meno vaccini, più Covid-19”.

“Abbiamo stimato – conclude Amato – che un aumento dell’1% della copertura vaccinale negli over 65, che equivale a circa 140.000 dosi a livello nazionale, avrebbe potuto evitare 78.560 contagi, 2.512 ospedalizzazioni, 353 ricoveri in terapie intensive e 1.989 morti per COVID-19. Sarebbe pertanto importante incentivare il più possibile qualsiasi attività che possa portare ad un aumento della copertura vaccinale soprattutto fra gli ultra 65enni“.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Cuore e Covid-19, l’importanza della vaccinazione per l’influenza