Covid-19, salute mentale a rischio ma “aiutata” dalle vaccinazioni

Covid e salute mentale: quali gli effetti del vaccino sul benessere delle persone? L'analisi

Federico Mereta Giornalista Scientifico Laureato in medicina e Chirurgia ha da subito abbracciato la sfida della divulgazione scientifica: raccontare la scienza e la salute è la sua passione. Ha collaborato e ancora scrive per diverse testate, on e offline.

È uno dei grandi problemi legato indirettamente alla pandemia di Covid-19, il suo impatto sul benessere mentale. Ansia e depressione sono cresciute in questo periodo, e soprattutto il disagio tende a peggiorare le condizioni emotive e le condizioni psichiche di chi è maggiormente fragile. A fronte di questa situazione oggettiva, si rileva un miglioramento in termini di salute mentale per questa situazione, legato soprattutto alla disponibilità dei vaccini. L’analisi è dei due presidenti della Società Italiana di Psichiatria, Massimo di Giannantonio ed Enrico Zanalda.

Attenzione alle disuguaglianze

La pandemia ha aumentato le disuguaglianze che rischiano di rendere sempre più fragile la salute mentale già precaria delle fasce sociali più svantaggiate, ma i vaccini contro il Covid iniziano a ridurre ansia e disagio psichico.

“La pandemia ha comportato fin da subito un inasprimento delle disparità già esistenti, con maggiore incidenza ed esiti della malattia nelle fasce più deboli – spiegano di Giannantonio e Zanalda -. Le diseguaglianze generate dalle conseguenze del lockdown hanno avuto riflessi anche sulla salute mentale, aumentando il disagio psichico soprattutto tra le fasce più fragili della popolazione, con minor accesso alle cure e ai servizi di cui tuttora si avvertono i contraccolpi”.

Tuttavia iniziano a intravedersi nella salute psichica della popolazione generale alcuni cambiamenti successivi alla vaccinazione anti-Covid.

“Stiamo sperimentando i primi segnali di una riduzione di un certo grado di ansia e depressione da pandemia – aggiungono gli esperti -. La popolazione inizia a sentirsi più fiduciosa nei confronti del futuro e sicura di uscire dai catastrofici effetti del Coronavirus, specie ora che sono disponibili i vaccini anti-Covid che fanno sperare di allontanarci dal rischio di un nuovo ‘ottobre rosso’, di nuovi isolamenti e chiusure che tantissimo hanno gravato sulla salute mentale di tutta la comunità, specie degli individui più fragili con più disagi psichici in partenza”.

I dati sono impressionanti: quasi un miliardo di persone vive con un disturbo mentale nei paesi poveri, oltre il 75% delle persone non riceve alcuna assistenza.

Ogni anno oltre un milione di persone muore per abuso di sostanze e, in concomitanza con il Covid, il dato appare a dir poco inquietante: un giovane di 18-24 anni su 4 (25%) ha dichiarato di aver aumentato l’uso di sostanze per far fronte allo stress covid-correlato. Ogni 40 secondi una persona si toglie la vita e nel 2020 i suicidi sono aumentati, basti pensare che in Giappone da giugno a ottobre 2020 sono cresciuti del 16% rispetto allo stesso periodo del 2019. Circa la metà dei disturbi di salute mentale inizia a 14 anni.

Occorre dare risposte

L’accesso ai servizi dedicati alla salute mentale resta pieno di diseguaglianze, con qualcosa come il 85% delle persone con disturbi mentali nei Paesi a basso e medio reddito impossibilitati a usufruire di una assistenza dedicata.

“Ma anche nei Paesi ricchi le cose non vanno meglio, Italia compresa – sottolineano gli esperti – e la pandemia ha complicato per molti aspetti questa situazione. Le persone più fragili che avevano già disagio psichico con il Covid hanno avuto maggiori difficoltà di accesso ai servizi sanitari (il 24% in più rispetto alla popolazione generale), una probabilità del 33% superiore di subire interruzioni terapeutiche e prescrittive e maggiori problemi di lavoro con un rischio di perderlo superiore del 12%”. Questi i dati emersi da uno studio pubblicato su The British Journal of Psychiatry, che sottolinea ancora una volta come la pandemia abbia impattato notevolmente su salute e qualità di vita dei più fragili con disagio psichico, inasprendo le disuguaglianze.

A fronte di questa situazione, occorre pensare anche positivo. “È importante intercettare e cavalcare i segnali di speranza che arrivano dalla possibilità di uscire dall’incubo Covid attraverso i vaccini – ribadiscono i due esperti – . Lo conferma uno studio di recente pubblicato sulla rivista Plos One e condotto presso il centro di Economia e Ricerca Sociale dell’Università della California Meridionale, che mostra che “coloro che hanno ricevuto almeno una dose di vaccino si dicono più ottimisti nei confronti del futuro, con conseguente diminuzione dell’ansia e della depressione percepita”.

 

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Covid-19, salute mentale a rischio ma “aiutata” dalle vaccinazioni