Covid-19, il disagio psichico si previene anche sui social

La pandemia da Covid-19 ha provocato un aumento del disagio psichico. L'iniziativa per accendere i riflettori sulle malattie mentali

Federico Mereta Giornalista Scientifico

Parte una campagna “green” di avvicinamento alla Giornata della Salute Mentale prevista per il 10 ottobre. L’obiettivo è sfidare i tanti, troppi pregiudizi sulle patologie come la depressione e altre condizioni legate alla psiche. Il colore verde è il filo conduttore dell’iniziativa, dal titolo “Insieme per la salute mentale” che viaggerà sui social fino a “sgretolare” grazie all’informazione, lo stigma che ancora erroneamente accompagna questa situazione. Sul sito della campagna, oltre alle informazioni per partecipare, sarà presente anche il video di lancio dell’iniziativa di una madrina d’eccezione, la cantautrice Noemi.

La pandemia ha “scatenato” i problemi

I dati dicono che a causa della pandemia da COVID-19 il disagio psichico sta aumentando, con conseguente maggior necessità di ricorso a strutture dedicate e soprattutto di maggior conoscenza della problematica, per non cadere appunto nei pregiudizi errati. Il muro dello stigma e dei pregiudizi, che tuttora circonda le persone che soffrono di disturbi mentali.

“La salute mentale in Italia ha bisogno di iniziative di sensibilizzazione per l’opinione pubblica – spiega Massimo di Giannantonio, Presidente SIP (Società Italiana di Psichiatria). Ogni occasione è infatti fondamentale per tenere alta l’attenzione dei cittadini. Solo così si può tenere alta anche quella delle Istituzioni che da anni sottovalutano questi problemi sanitari, sia dal punto di vista organizzativo che finanziario, rispetto ad altri. Nel 2030, cioè tra meno di dieci anni, le malattie della mente supereranno al primo posto nel mondo le malattie cardiovascolari. E questo è un dato pre-Covid-19. Considerando l’enorme aumento di casi avuto in questo periodo tra pre e post lockdown, non è escluso che questo sorpasso possa avvenire addirittura prima, se non è già avvenuto”.

Prosegue l’esperto: “Come SIP abbiamo calcolato che i servizi di salute mentale avranno il 30 per cento dei pazienti in più: 300.000 che si sommeranno ai 900.000 già in carico. A tutto questo si aggiunge la sempre bassissima propensione all’investimento pubblico nel campo della salute mentale, con l’Italia che con il suo 3,2 per cento resta fanalino di coda in Europa che ha medie superiori al 5 per cento”.

Per questo è importante accedere i riflettori su questa tematica. È l’obiettivo  della campagna nazionale “Insieme per la salute mentale”, voluta e organizzata da Lundbeck Italia in vista della Giornata Mondiale della Salute Mentale, il prossimo 10 ottobre, per sensibilizzare sul tema e creare un’onda verde per ridare simbolicamente centralità alle persone affette da questi disturbi. Il verde è infatti il colore della salute mentale e sarà il protagonista della campagna che, per tutto il mese di settembre fino a fine ottobre, coinvolgerà il pubblico in challenge su Facebook, Instagram, Linkedin, Twitter e Tik Tok: dalla “danza” su un brano musicale creato ad hoc per l’iniziativa e una coreografia studiata appositamente da un corpo di ballo, Accademia Kataklò.

Un diritto per tutti

La salute mentale è un diritto da tutelare ancor di più oggi, anche in logica di quella ripartenza che tutti auspichiamo. Chi si unirà alle challenge potrà comparire anche nel video finale riassuntivo della campagna che sarà realizzato con il contributo di tutti. Madrina d’eccezione è la cantautrice Noemi.

Tutte le informazioni per partecipare alla campagna e il video di lancio di Noemi si trovano sul sito insiemeperlasalutementale.it  dove ogni giorno sarà possibile vedere come il muro dei pregiudizi si stia indebolendo e, partecipando a una delle diverse sfide-  Il 10 ottobre è anche il termine per partecipare alla seconda edizione del concorso People in Mind, che invita chiunque a mostrare vicinanza e comprensione alle persone con disturbi mentali attraverso disegni, dipinti, fumetti e fotografie digitali e che vuole valorizzare l’impegno del terzo settore in tema di salute mentale, con un contest ad esso dedicato.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Covid-19, il disagio psichico si previene anche sui social