Cosa fare in caso di morso di zecca

Questa puntata di "Pillole di Salute quotidiana" ci spiega come comportarsi in caso di morso di zecca per evitare rischi

Federico Mereta Giornalista Scientifico Laureato in medicina e Chirurgia ha da subito abbracciato la sfida della divulgazione scientifica: raccontare la scienza e la salute è la sua passione. Ha collaborato e ancora scrive per diverse testate, on e offline.

Il morso della zecca non è di per sé pericoloso, però ci sono rischi di contrarre infezioni trasmesse da questi animali. Le zecche non saltano e non volano, ma si appostano alle estremità delle piante aspettando il passaggio di un animale o di un uomo. Poi percepiscono l’anidride carbonica e il calore dell’organismo, quindi individuano il loro ospite e si insediano conficcando il loro rostro, in questo senso si parla di morso, e cominciano a “succhiare” il sangue.

Il loro morso non provoca in genere dolore, perché la zecca emette una sostanza che contiene principi anestetici. In genere le zecche possono rimanere per un periodo che va dai due giorni alla settimana, poi si lasciano cadere.

Come rimuovere una zecca

Quando si individua una zecca sulla pelle, bisogna rimuoverla, afferrandola con una pinzetta dalle punte sottili il più possibile vicino alla superficie dell’epidermide e poi tirarla via con delicatezza ma decisione. Bisogna fare questa manovra lentamente, ruotando per evitare di rompere la zecca e bisogna prestare la massima attenzione a non schiacciarne il corpo, perché si potrebbe avere un rigurgito all’interno del corpo umano che aumenterebbe la possibilità di trasmissione di agenti patogeni.

Se  il rostro rimane dentro la cute, bisogna rimuoverlo, quindi ricordatevi di disinfettare molto bene la pelle, di evitare di toccare a mani nude la zecca e vanno lavate bene prima e dopo l’operazione.

Dopo l’eliminazione della zecca, occorre un periodo di osservazione di qualche settimana perché comparire eventuali segni di infezione.

In caso di morso di zecca non bisogna usare acetone, alcol, trielina, ammoniaca, benzina, oggetti arroventati e le sigarette per eliminarla, perché se si induce una sofferenza nell’animale il rigurgito delle sostanze nocive possano essere immesse nel corpo dell’ospite.

Infine, non dimenticate che se occorrono gli antibiotici, bisogna sempre ricorrere al medico.

Per seguire la Pillola di Salute quotidiana “Morso di zecca: come comportarsi”, clicca e ascolta qui

“Pillole di Salute quotidiana” è la serie in podcast di DiLei TakeCare, a cura di Federico Mereta. In ogni puntata si parla di prevenzione, cure e buone abitudini.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Cosa fare in caso di morso di zecca