Colesterolo cattivo tra le cause della Sla. Come combatterlo

Uno studio scientifico mette sotto accusa il colesterolo alto: sarebbe fra le cause della Sclerosi laterale amiotrofica (Sla)

Fra le cause della Sclerosi laterale amiotrofica (Sla) c’è anche il colesterolo cattivo.

A svelarlo uno studio scientifico realizzato dalla Città della salute di Torino in collaborazione con il National Institutes of Health di Bethesda degli Stati Uniti, pubblicato di recente sulla rivista Annals of Neurology. La ricerca ha dimostrato che livelli alti di colesterolo cattivo costituiscono un fattore di rischio per la Sla. Ma non è finita qui, perché un ruolo fondamentale viene rivestito anche dal fumo e da livelli eccessivi di attività fisica come quelli che si raggiungono in caso di prestazioni agonistiche.

La ricerca italiana e statunitense apre la strada a nuovi metodi per prevenire la Sla e allo sviluppo di terapie ancora più efficaci. La Sclerosi laterale amiotrofica è una malattia degenerativa progressiva che colpisce le cellule cerebrali e quelle del midollo spinale che hanno il compito di controllare i movimenti muscolari volontari. La patologia compromette il movimento degli arti, ma anche la deglutizione e la fonazione. Ad oggi non esiste nessuna cura per fermare questa terribile malattia, che in Italia colpisce circa 5 mila persone.

Nonostante ciò alcune ricerche scientifiche hanno dimostrato che esiste un legame fra la Sla e altri fattori, come il colesterolo alto e l’attività fisica. Gli ultimi studi dunque mettono in luce ancora una volta l’importanza di tenere sotto controllo il valore del colesterolo nel nostro organismo. Come combattere questo problema nel modo giusto? Prima di tutto è fondamentale seguire uno stile di vita sano, eliminando il fumo, praticando un’attività fisica moderata quotidianamente e assumendo gli alimenti giusti. 

La dieta riveste un ruolo chiave nel contrastare il colesterolo cattivo. Per prima cosa limitate il consumo degli alcolici e di tutte le bevande gassate e zuccherate. Eliminate dal vostro regime alimentare i grassi animali, prediligendo come condimento l’olio extravergine d’oliva. Consumate cinque porzioni di frutta e verdura di stagione ogni giorno, accompagnati da proteine magre (pesce e carne bianca), ma anche da legumi. Consumate almeno due litri di acqua al giorno, integrando i liquidi anche grazie a tisane e frullati.

Colesterolo cattivo tra le cause della Sla. Come combatterlo