Ciclo mestruale? Ecco l’unico modo per accorciarlo

Scoperto dagli specialisti l'unico vero metodo per accorciare il ciclo mestruale

Il ciclo mestruale rappresenta un importante indicatore di salute, ma in alcuni casi può rivelarsi particolarmente doloroso e compromettere la regolarità della vita quotidiana. Per questo molte donne cercano un rimedio per accorciarne la durata, soprattutto quando arriva a protrarsi fino a sette giorni.

Tra i vari metodi consigliati dagli specialisti, la maggior parte concorda sull’efficacia dell’assunzione della pillola anticoncezionale per ridurre i propri giorni di mestruazioni e avere un ciclo meno abbondante. Ovviamente a condizione che venga prescritta da un ginecologo, dopo una visita specialistica.

La pillola è un contraccettivo costituito da estrogeni e progesterone da assumere per via orale che consente di controllare i propri ormoni. Solitamente la dose consigliata dal medico prevede l’assunzione di 28 pillole: nei primi 21 giorni servono per impedire l’ovulazione e il principio di gravidanza, mentre le altre sette sono le cosiddette “placebo”, prive di principio attivo, che permettono di riavviare il ciclo.

Questo sistema è consigliato per ridurre la durata del ciclo mestruale. Per ridurne invece la frequenza, i ginecologi consigliano di assumere le pillole contraccettive per 84 giorni, più sette di placebo.

Difficilmente gli effetti saranno immediatamente visibili. Nella maggior parte delle donne, un ciclo più breve si verifica dopo circa tre mesi. Il corpo infatti richiede un po’ di tempo per abituarsi.

È consigliabile combinare questo trattamento con uno stile di vita sano, con particolare attenzione all’alimentazione.

In ogni caso i ginecologi raccomandano la massima attenzione ai possibili effetti collaterali, come sanguinamento uterino, indolenzimento del seno, nausea, stitichezza o aumento di peso.

Ciclo mestruale? Ecco l’unico modo per accorciarlo