Carenza di ferro, campanello d’allarme per malattie croniche

La carenza di ferro è un importante campanello d'allarme che indica il pericolo di ammalarsi di patologie croniche

La carenza di ferro è il campanello d’allarme per malattie croniche.

Spesso ignorata, l’anemia provocata dalla carenza di questa sostanza, può essere una spia importante per valutare lo stato di salute di una persona e prevenire alcune malattie. Nonostante basti un semplice esame del sangue per individuare livelli bassi di ferro, il problema viene spesso sottovalutato e ogni anno porta alla morte di ben 800mila pazienti in tutto il mondo. L’allarme è stato lanciato dagli esperti della Società Italiana di Medicina Interna (Simi), in occasione del 119/mo Congresso Nazionale a Roma.

La carenza di ferro, secondo gli ultimi dati, è piuttosto diffusa fra i bambini e il problema aumenta con l’età, diventando ancora più grave negli over 65. Così tanto che ben 2 milioni di anziani che soffrono di malattie croniche cardiache, respiratorie e intestinali, hanno dei bassi livelli di ferro.

“I medici tendono a considerare il fenomeno un disturbo ‘banale’, a meno che i livelli di emoglobina non arrivino a livelli allarmanti – ha svelato all’Ansa, Francesco Perticone, presidente della Simi -. Negli ultimi anni invece – prosegue – si sta osservando che la carenza di ferro nell’anziano rappresenta non solo un fattore predittivo delle malattie croniche, ma ne aggrava anche il decorso”.

Come tenere sotto controllo i livelli di ferro? Per prima cosa è importante rivolgersi al proprio medico, il secondo passo da fare è quello di seguire una dieta equilibrata che consenta di assumere la giusta quantità di questa sostanza. Portate a tavola salmone, tonno e merluzzo, ma anche tacchino e pollo, ma anche verdure a foglia verde, cereali e legumi. Per migliorare l’assimilazione del ferro, accompagnate sempre gli ortaggi con cibi ricchi di vitamina C, come limone, pomodori o peperoni, alimenti che contengono vitamina A, come i tuorlo d’uovo e la zucca, e cisteina. Cercate infine di evitare dopo e durante i pasti le bevande e i cibi che riducono l’assunzione di questo minerale, come il caffè, il tè, il cacao e il latte.

Carenza di ferro, campanello d’allarme per malattie cronich...