Artrosi, sintomi e conseguenze sul cuore

Secondo uno studio svedese, la patologia artrosica ad anca e ginocchio è spesso correlata a problemi di natura cardiovascolare

La patologia artrosica, contraddistinta dal consumo della cartilagine articolare soprattutto di anca e ginocchio, può avere delle conseguenze sulla salute del cuore.

Questa è la conclusione di uno studio svedese, i cui dettagli sono stati recentemente resi pubblici sulle pagine della rivista scientifica Osteoarthritis and Cartilage. L’equipe di ricerca che lo ha condotto, attiva presso l’Università di Lund, ha analizzato i registri di popolazione della Scania, una contea della Svezia meridionale. Nello specifico, è stato preso in considerazione lo stato di salute dei soggetti di età compresa tra i 45 e gli 84 anni nel 2003. Questo campione, è stato monitorato fino all’anno 2014.

In questo novero, sono stati individuati circa 16.000 pazienti con artrosi al ginoccho e più o meno 9.000 con diagnosi di artrosi all’anca. In tutti questi casi, così come in quelli di soggetti con artrosi al polso (numeri decisamente minori rispetto a quelli appena ricordati), si trattava di diagnosi formalizzate prima del 2003.

Dal suddetto anno al 2014, i circa 400.000 pazienti del campione iniziale sono stati tenuti sotto controllo tramite un monitoraggio delle cause di morte. Gli esiti hanno portato alla luce una correlazione tra l’artrosi al ginocchio e all’anca e la morte per patologie cardiovascolari. Gli studiosi hanno individuato un aumento della correlazione in questione in caso di lunga durata della condizione di artrosi.

Questi risultati, come sottolineato dai ricercatori stessi, mettono in evidenza la necessità di rivedere fortemente le linee guida del trattamento dell’artrosi, con un particolare focus sull’attività fisica. Di questo studio ha parlato anche il Dottor Carlo Selmi, responsabile della reumatologia del gruppo Humanitas e accademico presso l’Università di Milano.
Lo ha fatto sottolineando che l’artrosi, spesso confusa con l’artrite (malattia di natura infiammatoria), è correlata ai problemi di cuore per via di un fattore di rischio non indifferente, ossia il sovrappeso, spesso alla base dell’usura della cartilagine articolare di anca e ginocchio.

Anche l’artrite è spesso correlata a patologie cardiovascolari, ma per un motivo diverso. In questo caso, al centro dell’attenzione ci sono i processi infiammatori cronici, che coinvolgono tutto il corpo (l’artrite è infatti una malattia sistemica). Sia nel caso dell’artrosi, sia in quello dell’artrite, il calo ponderale rappresenta una strategia efficace per diminuire i fattori di rischio cardiovascolare.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Artrosi, sintomi e conseguenze sul cuore