Artrite, psoriasi, Crohn: il legame pericoloso

C'è un legame che unisce artrite, psoriasi e morbo di Chron, che spesso si trovano associate nello stesso paziente

Tre malattie diffuse e molto diverse tra loro hanno in realtà qualcosa in comune. Artrite, psoriasi e malattia di Crohn, secondo gli specialisti dell’Accademia Nazionale di Medicina, seppur patologie molto diverse, sono legate da un elemento in comune, che fa sì che non sia raro trovarle associate in uno stesso paziente.

Il denominatore comune che lega queste tre diverse patologie è lo stato infiammatorio cronico degli organismi che ne vengono colpiti, che indica un deficit del sistema immunitario che in questi soggetti funziona male. Artrite, psoriasi e morbo di Chron sono tutte patologie infiammatorie immuno-mediate, di cui soffrono circa due milioni di italiani.

Queste malattie condividono alcuni meccanismi comuni, e spesso si ritrovano presenti in un unico paziente. In particolare, gli specialisti dell’Accademia Nazionale di Medicina ricordano che è frequente l’associazione tra l’artrite e la psoriasi: il 25% dei pazienti, infatti, soffre di entrambe le patologie. A loro volta, le persone che soffrono di psoriasi sono esposte a un rischio quattro volte maggiore di soffrire contemporaneamente di malattie infiammatorie intestinali, come il morbo di Chron.

Le evidenze scientifiche dicono che chi soffre di una malattia infiammatoria autoimmune rischia di svilupparne un’altra e, stabilito questo, diventa fondamentale il momento della diagnosi. Il paziente che soffre di una di queste patologie si rivolge allo specialista spinto dall’esigenza di risolvere quella più evidente, ma è probabile che nel frattempo sia già colpito da un’altra di queste malattie, a uno stato meno evidente.

Per questo, sottolineano i medici dell’Associazione Nazionale di Medicina, è fondamentale anche un approccio clinico diverso per i pazienti che soffrono di queste tre patologie infiammatorie autoimmuni. Sarebbe necessario quindi che un paziente che arriva dallo specialista lamentando una di queste patologie venisse sottoposto ad un’analisi clinica più ampia, in modo da poter avere il prima possibile una diagnosi su un’altra malattia, spesso associata alla prima.

Nel trattamento di artrite, psoriasi e morbo di Chron hanno poi un ruolo fondamentale i nuovi farmaci biologici. “L’anti TNF-alfa, per esempio, può essere utilizzato in tutte queste patologie: in alcuni soggetti può essere perciò possibile una terapia per le diverse malattie con un solo farmaco” – spiega Maurizio Vecchi, Ordinario di Gastroenterologia all’Università di Milano -. “In altri casi, invece, individuare le associazioni di patologia può servire a escludere trattamenti proposti per la malattia principale ma che potrebbero ‘cozzare’ con altre patologie immuno-mediate non ancora evidenti”.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Artrite, psoriasi, Crohn: il legame pericoloso