Corsa: la dieta del runner per allenarsi e stare in forma

Un aspetto fondamentale quando si corre è l’alimentazione: cosa deve mangiare un runner per essere efficiente durante la corsa e mantenere il peso forma?

Per correre ci vuole energia, senza un’alimentazione in grado di apportare i giusti macro e microelementi diventa davvero difficile farlo. Ecco come deve mangiare il runner.

La dieta del runner
Come e cosa mangiare quando si pratica running? Nutrirsi in modo corretto è alla base di un buon allenamento, al tempo stesso bisogna fare attenzione a non ingerire più calorie di quelle che servono altrimenti si rischia di aumentare di peso. Non è raro infatti che alcuni runner non riescano a dimagrire o che addirittura prendano qualche chilo nonostante corrano regolarmente. Questo succede perché l’attività fisica stimola l’appetito. Per questo motivo è bene sapere cosa mangiare e cosa evitare in modo da assumere il giusto apporto energetico che permetta lo sforzo fisico, senza essere spinti ad esagerare andando incontro a un aumento di peso.

Corsa e dieta mediterranea
Essendo per i runner fondamentali i carboidrati (sono quelli che vanno a costituire le riserve di glicogeno che il corpo brucia durante la corsa), la dieta mediterranea si rivela essere indicata per i podisti, in quanto a far da padrone in regime alimentare sono i carboidrati a basso indice glicemico (in grado di rilasciare energia lentamente senza provocare picchi glicemici e attacchi di fame a breve distanza fra loro). Prendendo spunto dalla dieta mediterranea, gli alimenti ideali per il runner sono cereali integrali, olio d’oliva, frutta, verdura, legumi e pesce. Se pensate di correre eliminando carboidrati e grassi per dimagrire, commettete un grave errore. Questi elementi sono fondamentali per rendere nella corsa e preservare l’organismo efficiente.

Piatti semplici e leggeri
Per restare in forma e avere la giusta energia per correre, è bene che il runner mangi alimenti leggeri, in quantità limitata, facilmente digeribili. Alla larga dunque da cibi industriali e troppo elaborati. Ecco un possibile esempio di alimentazione giornaliera: a colazione yogurt con fiocchi d’avena, frutta e 2-3 mandorle o noci; a pranzo cereali integrali conditi con olio extravergine d’oliva, legumi e verdure; a cena pesce con contorno di verdure. Come spuntino frullati, frutta fresca e frutta secca sono l’ideale. E se avete voglia di qualcosa di dolce un quadretto di cioccolato fondente è perfetto perché ricco di preziosi microelementi. Le quantità cambiano a seconda del metabolismo di ciascuno e anche la ripartizione delle calorie fra i pasti dipende dall’ora in cui si va a correre. Cliccate sui link per approfondire aspetti legati all’alimentazione dello sportivo, agli attacchi di fame durante l’allenamento e a cosa mangiare prima di correre.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Corsa: la dieta del runner per allenarsi e stare in forma