Un fico in cucina

I fichi sono dolci e golosi frutti settembrini, che arrivano dal Medio Oriente, protagonisti di storie e leggende. Considerati un dono degli dei, nel passato gli si attribuivano poteri magici, perché nascono da un albero che non fa frutti.

Polposi e aromatici si abbinano in cucina a ricette dolci e piatti salati. Hanno meno calorie di quel che si pensa – tra le 50 e le 70 per 100 gr. – rappresentano una buona fonte di energia senza contenere grassi né colesterolo, abbondano invece di potassio e fibra. Ricchi di vitamine: A, B1, B2, B3 e C, una volta seccati triplicano il loro potere calorico.

Delicati e belli esteriormente vanno maneggiati con cura, sbucciati con delicatezza e mangiati entro pochi giorni dall’acquisto.
Sono ottimi amici del cuore grazie all’elevato contenuto di Polifenoli, antiossidanti naturali.

Come ripieno per ravioli o tortelli, accompagnati a tagliatelle o riso, fegato o anatra, fritti o tuffati nel cioccolato, in coppa con creme e liquori o mescolati a miele mandorle e nocciole, i fichi sono frutti lussuriosi, che deliziano il palato, evocano lusso, bellezza e dolce vita e donano anche energia.

Ricchi di virtù sono ottimi per curare le infiammazioni polmonari e gli stati febbrili, proteggono la pelle e fanno bene alla vista e alle ossa. Hanno delicate proprietà lassative e facilitano l’assimilazione dei cibi, possono essere usati anche come impacchi su ascessi e gonfiori.

Ne esistono numerose qualità, i più diffusi sono quelli con la buccia verde e la polpa chiara – famoso il Fico bianco del Cilento, detto "moscione" – oppure con la buccia viola e la polpa rosso intenso, ma ne esistono anche con buccia marrone o nera.

Profumati e intensi riescono ad arricchire carni e verdure, salumi e pesci e dar vita a ricette insolite e prelibate. Mangiati semplicemente con prosciutto e salame o con stuzzicanti formaggi, cotti al forno con creme o pasta frolla o trasformati in dolcissime conserve, sono sempre ammalianti e squisiti. Provate anche voi a mescolare questo frutto agli ingredienti che volete ma affrettatevi, sono gli ultimi fichi di stagione.

FILETTO IN AGRODOLCE AI FICHI FIORONI

Ingredienti: filetto di vitello gr 800, 4 cipollotti freschi, 8 fichi fioroni verdi ben maturi, 2 scalogni, 1 spicchio d’aglio, 1 bicch. di olio evo, senape dolce, timo, salvia, 1 bicch. vino marsala, 1/2 bicch. di vino bianco secco, sale e pepe q.b.

Preparazione: spennellate il filetto con un velo di senape, fate rosolare l’aglio, gli scalogni e i cipollotti tagliati a fettine spesse nell’olio d’oliva e aggiungete i fichi – con la buccia – tagliati a metà.
Unite poi il filetto e fatelo rosolare ben ben da tutti i lati per qualche minuto, quindi sfumate con il vino bianco e lasciate evaporare. Quando sarà evaporato, aggiungete il vino marsala, girate il filetto da tutti i lati e dopo qualche minuto passate il tutto in forno ben caldo a 200° per 15 minuti. Dovrà risultare leggermente rosato all’interno.

Lasciate raffreddare l’arrosto prima di tagliarlo a fette. Intanto riscaldate il fondo di cottura in una padella, i fichi dovrebbero essere morbidi ma non disfatti, mentre le altre verdure quasi sfatte. Aggiustate di sale e pepe. Se dovesse risultare troppo liquido fatelo addensare un po’, in caso contrario aggiungete mezzo mestolino di acqua calda.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Un fico in cucina