Spritz veneziano : ricetta, ingredienti di base e come si prepara il cocktail

Lo spritz veneziano è l'aperitivo perfetto da servire ad una cena tra amici oppure ad un pranzo importante. Fresco e veloce da preparare sarà sempre gradito

Lo spritz veneziano rientra nella categoria dei pre dinner , ovvero quelle bevande da servire come aperitivo. Le sue origini sono tuttora ignote, anche se alcune fonti sembrano voler attribuire la sua prima realizzazione ai soldati dell’Impero austriaco che, per stemperare l’alta gradazione dei vini veneti, avrebbero iniziato ad allungarli con acqua gassata. Questo fatto sarebbe confermato anche dal nome dell’aperitivo, che potrebbe derivare dal termine tedesco spritzen che significa appunto spruzzare.

L’origine dello spritz veneziano come cocktail sembra risalire intorno al 1920, nella zona geografica compresa tra Venezia e Padova. Fu in quel periodo che si pensò di aggiungere al vino diluito con acqua gassata o selz anche l’Aperol, presentato alla Fiera di Padova nel 1919. Negli anni ’70 lo spritz veneziano ha ottenuto enormi riscontri su tutto il territorio veneto, divenendo uno dei cavalli di battaglia dell’Aperol ed ottenendo riconoscimenti importanti come l’ufficializzazione dall’I.B.A. (International Bartenders Association). Gli ingredienti di base che occorrono per preparare un ottimo spritz veneziano sono: ghiaccio, prosecco, Aperol e seltz.

Iniziare versando in un bicchiere old fashioned (o tumbler basso) dei cubetti di ghiaccio, aggiungere 6/10 di prosecco e 4/10 di Aperol. Finire la preparazione spruzzando un po’ di acqua di seltz e mescolare delicatamente. Guarnire il cocktail con mezza fetta di arancia e servire. I due ingredienti principali di questo cocktail, il Prosecco e l’Aperol, sono entrambi di origine veneta. Il Prosecco è un vino bianco frizzante divenuto famoso negli anni ’90 come prodotto IGT (Indicazione Geografica Tipica), per poi ottenere nel 2009 il riconoscimento di Denominazione ad Origine Controllata.

Alcune varietà di questo vino, come il Prosecco di Conegliano-Valdobbiadene, hanno ottenuto la DOCG, a dimostrazione di una qualità veramente eccellente. Anche l’Aperol, aperitivo alcolico dal tipico colore rosso utilizzato per la preparazione di questo cocktail , deve le sue origini a questa terra. Ottenuto attraverso l’infusione di arancia, erbe e radici in una soluzione alcolica, venne creato dai Fratelli Barbieri nel 1919. Un’ampia campagna pubblicitaria ha accompagnato negli anni Aperol che, entrato a far parte del Gruppo Campari nel 2003, è ancora oggi conosciuto ed apprezzato in tutto il mondo, grazie al successo dello spritz veneziano.

Spritz veneziano : ricetta, ingredienti di base e come si prepara il&n...