Gazpacho Andaluso

Ne esistono circa 60 versioni, più o meno piccanti, speziate o dense. Nato in Spagna, da lì ha invaso il mondo. Buono come aperitivo, da gustare in bicchieri di vetro trasparente, o come primo piatto accostato a verdure, pane tostato o uova sode. Ricordatevi di servirlo comunque sembre ben ghiacciato.

  • Vi servono 1 kg di pomodori  maturi, 100 gr. di pane raffermo, 2 spicchi di aglio fresco, 2 cetrioli, 2 cipolle rosse di tropea, un peperone verde e uno giallo, un cucch. di aceto di vino, 4 uova, 6 fette di pane casereccio e una tazza d’acqua, dragoncello, olio e.v.di oliva, sale e peperoncino fresco q.b. e qualche goccia di Tabasco.
  • Lavate i pomodori, sbollentateli in acqua bollente per 30/40 secondi poi passateli in acqua fredda e togliete la pelle e i semi. Pulite il peperone, eliminando anche i filamenti interni e infine sbucciate il cetriolo.
  • Tagliate tutte le verdure a pezzi, riunitele in una ciotola, insaporitele con il dragoncello – o altre spezie a piacere – e lasciate riposare il tutto in frigo per un paio d’ore.
  • Prendete il pane ben strizzato – precedentemente ammorbidito nell’acqua – gli spicchi di aglio sbucciati e pestati in un mortaio con un po’ di sale e aggiungete il tutto al composto, frullate assieme alla cipolla. 
  • Aggiungete dei cubetti di ghiaccio e continuate a frullare fino a quando il composto raggiungerà la consistenza desiderata, che deve essere molto fluida e omogenea. Infine aggiungete qualche foglia di dragoncello, l’aceto, il peperoncino e, se volete, il tabasco e infine aggiustate di sale.
  • Conservate il Gazpacho in frigorifero fino al momento di servire. Preparate la cipolla rimasta e le uova sode tagliate a pezzetti e mettele in due ciotoline, abbrustolite le fette di pane e servitele ancora calde. Portate in tavola anche dei cubeti di ghiaccio.

 

Gazpacho Andaluso