Come bollire i carciofi

Qualche suggerimento e le regole giuste per imparare a bollire i carciofi, una delle verdure più prelibate di stagione

I carciofi hanno un gusto intenso e particolare, ce ne sono diverse varietà e possono essere cucinati in svariati modi, sia cotti che crudi e sono sempre una bontà. Impariamo passo passo come bollire i carciofi, base di molte ricette.
Il carciofo inoltre è un alimento molto sano, ottimo disintossicante del fegato, aiuta l’espulsione di molte tossine dal nostro organismo.

– i carciofi sono molto versatili e possono essere cucinati: al forno o in padella, ripieni o bolliti, in fricassea o come condimento per  pasta e riso. Ottimi anche i carciofi in insalata, ma solo se sono freschissimi,  perché qualunque metodo di cottura sceglierete è fondamentale acquistare e scegliere carciofi freschi, teneri e poco spinosi ed eliminare le foglie esterne più dure.

– prima di cucinare i carciofi  è importante pulirli accuratamente, procuratevi dei guanti per non rovinare le vostre mani, quindi qualche limone, acqua e un coltellino. Raschiate, togliete le foglie dure, lavateli e immergeteli in acqua acidulata.
Ma se volete delle istruzioni perfette, seguite passo passo come pulire i carciofi

– dopo aver pulito per bene i carciofi, versarli interi in una pentola con sale e acqua e portare a ebollizione: aspettare circa 20-25 minuti, scolare bene i carciofi e condirli a piacere, ottimi con olio extravergine di oliva e pepe nero

– prima di bollire i carciofi potete aggiungere all’acqua di bollitura un litro di aceto bianco, 1 bicchiere di vino bianco, qualche chiodo di garofano e l’alloro, seguite poi le regole del procedimento semplice e e avrete la base per preparare degli ottimi carciofini sott’olio

Una ricetta gustosa: carciofi a testa in giù

pulire i carciofi e condirli all’interno delle foglie con un mix di aglio e prezzemolo tritati, adagiare i carciofi in una pentola dai bordi bassi con la base sul fondo
– coprire con due dita d’acqua, unire una manciata di capperi, olio extra vergine e cuocere a fuoco dolce coperti per circa 20 minuti.

La nostra ricetta: carciofi alla giudia

Ingredienti: carciofi romani, un limone, olio d’oliva, sale, pepe.

Preparazione: pulite i carciofi, togliete le foglie più esterne e tagliate le punte di quelle rimanenti. Tagliate i gambi lasciandone circa 5 cm. Raschiateli con i denti del coltello per eliminare la parte più dura. Allargate le foglie del carciofo il più possibile, fino a formare una specie di fiore con i petali ben aperti. Riempite una ciotola con acqua fredda e spremetevi il succo del limone. Via via che pulite e preparate i carciofi metteteli nella scodella piena d’acqua. Quando tutti i carciofi saranno pronti, scolateli ed asciugateli per bene, quindi condite il cuore con sale e pepe. Scaldate l’olio in una pentola con i bordi bassi, cercando di non farlo bruciare. Buttatevi i carciofi, rigirandoli spesso. Friggete i carciofi fin quando non saranno ben dorati, quindi scolateli e metteteli sulla carta assorbente. Aggiungete sale e pepe e serviteli molto caldi.

 

Come bollire i carciofi