Con la tua migliore amica condividi tutto…anche i chili di troppo

Uno studio rivela come due migliori amiche tendano ad ingrassare insieme

Avete presente la filosofia di “Sharing is caring“? Condivisione significa prendersi cura dell’altro, esiste infatti un filo rosso che ci unisce alla persona con cui scegliamo di condividere tutto… anche il cibo. Ebbene sì, c’è un collegamento tra il nostro peso e quello della nostra migliore amica e lo dice la scienza.

Due professori di Medicina di Harvard, Nicholas Christakis e James Fowler, hanno infatti effettuato uno studio pubblicato sulla rivista New England Journal of Medicine che conferma questa tesi: se viviamo o frequentiamo molto una persona in sovrappeso è molto probabile che ingrasseremo insieme a lei.

Lo studio ha analizzato 12mila adulti e la probabilità di aumento di chili in presenza di un migliore amico in sovrappeso era ben del 57%, di un fratello del 40% e di un partner del 37%.

Dal punto di vista geografico, questi dati stranamente non cambiano con la distanza: non incide il numero di chilometri che vi separano, se il vostro migliore amico è dall’altra parte del mondo ma in sovrappeso, questa connessione funzionerà ugualmente e sarà più forte con le persone dello stesso sesso.

Perché accade tutto ciò? Per due fattori principali: il primo è inconscio, se stimiamo così tanto una persona in sovrappeso rendiamo questa condizione alla nostra psiche accettabile e normale. Non riusciamo a vederla come una caratteristica “negativa” e molto spesso la ignoriamo perché sormontata dagli altri pregi che ritroviamo nel nostro amico. Proprio per questo motivo, senza nemmeno accorgercene, tendiamo ad essere come lui con un meccanismo di emulazione e di accettazione inconscia del “difetto”.

Il secondo fattore è, chiaramente, lo stile di vita: due amici condividono tutto, sia i momenti di svago che quelli più seri. In entrambi i casi il cibo e il movimento fisico sono parti integranti della giornata. Se scegliete di andare al ristorante con un amico sovrappeso vi sentirete liberi di comportarvi come lui, mangiando senza sensi di colpa proprio perché è un’abitudine insita nella vostra quotidianità che non percepite come sbagliata o dannosa. La stessa cosa vale per l’attività fisica, se frequentate una persona abituata a prendere sempre l’ascensore e a spostarsi solo in macchina vi sentirete in diritto di farlo anche voi.

L’aspetto fisico è sicuramente una caratteristica secondaria del rapporto di amicizia: l’accettazione parte da dentro e nella relazione dobbiamo mettere al primo posto i lati del carattere che più ci piacciono dell’altro come la disponibilità, l’affetto, il sense of humor. Fortunatamente abbiamo un filo rosso che ci lega ai nostri amici anche su questi aspetti: circondatevi da persone meravigliose e vi sentirete subito meglio.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Con la tua migliore amica condividi tutto…anche i chili di tropp...