Tradite da un’amica?

Nessuno di noi vorrebbe essere tradito. Se a tradire poi è un'amica la delusione è veramente pesante.

Ciao Davide, ho scoperto che la mia più cara amica, Giulia, mi ha tradita. Qualche giorno fa mi sono confidata con lei e ho saputo che è andata a raccontare in giro i fatti miei. Ci sto malissimo cosa devo fare? Grazie Lucia

Essere tradite da un amica è, molto probabilmente, una delle delusioni più pesanti che si possano subire. A volte è più dura rialzarsi da una delusione in amicizia che in amore. Perché? Perché un’amica, specie se una delle migliori amiche, è spesso detentrice di confidenze più intime di quelle che siamo in grado di fare ad un partner. Una vera amica è una consigliera, uno specchio e un alleata.

Ma allora, se l’amicizia racchiude valori così elevati e l’amicizia ha così tanta importanza, perché, anche gli amici, a volte, si tradiscono?

Andiamo per ordine, in amicizia, come in amore, o in qualunque altro tipo di relazione dovremmo imparare a dosare l’accelerazione che imprimiamo alle nostre emozioni in fase di partenza. Lo so, spesso è impossibile, specie quando le emozioni ci travolgono. Ma, credetemi, se fossimo un po’ capaci di analizzare in maniera più razionale, rispondendo con la testa, anziché con la pancia, quanto ci accade nelle relazioni interpersonali, probabilmente avremmo eliminato un primo 10% di rischio di tradimento.

La seconda cosa che dovremmo imparare a fare è quella di smettere di proiettare sull’altra persona i nostri comportamenti. Pensare “io farei cosí” è sbagliato, vuol dire che stiamo creando delle aspettative sul comportamento dell’altra persona che, probabilmente, potrà comportarsi come noi, ma potrebbe anche comportarsi diversamente. Impariamo a pensare che ogni persona è diversa da noi e il nostro modo di agire e di pensare non è per forza quello degli altri. Se riuscissimo a raggiungere questo step di consapevolezza, avremmo tolto, con molta probabilità, ancora un altro 40% di rischio di tradimento.

Infine, se ci troviamo di fronte ad un’amicizia, vera e sincera, il restante 45% di rischio di tradimento, potremmo eliminarlo mantenendo sempre un confronto diretto e schietto con l’altra persona. Senza paura di dire o di non dire, perché qualunque fraintendimento potrebbe creare delle crepe in un rapporto.   C’è ancora un 5% di rischio di tradimento. Quello è dato dall’imprevedibilità umana. È un rischio che dovremmo mettere sempre in conto, ma ha una percentuale talmente bassa che credo si tratti di un rischio che si possa correre.

Ricordate sempre che l’amicizia, quella vera non è mai mossa da alcun tipo di interesse e se si riesce a mantenere la relazione senza interessi, quell’amicizia è destinata a durare a lungo. In caso contrario, fatevene una ragione, non era un’amicizia, era semplicemente una conoscenza finalizzata ad un qualche scopo. A volte, purtroppo, per riempire gli spazi lasciati dalla solitudine.

 

Davide Schioppa
Life&Love Coach

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Tradite da un’amica?