La speranza è il farmaco più potente in natura

Un circolo virtuoso che ci consente di passare all'azione per cambiare le cose

Ci hanno detto sempre di non illuderci, di non creare grandi aspettative e di restare con i piedi per terra a sfavore di quei sogni apparentemente troppo grandi e irraggiungibili. Dicono che più voliamo in alto con la fantasia e con le speranze, più la caduta può far male.

Schiette, ciniche e realistiche: ci chiedono di essere così e ci siamo convinte che forse, questi atteggiamenti, possono davvero evitarci le delusioni più grandi della vita. Eppure, così facendo, non stiamo forse rinunciando alla parte più bella e autentica di noi? Quella sognante, entusiasta, positiva, anche un po’ ingenua forse, ma l’unica che ogni giorno ci da la forza di credere che noi possiamo fare tutto.

E se mettessimo il cinismo da parte per fare spazio alla speranza e alla fiducia? Due elementi chiave che ci danno la forza di alzaci ogni giorno e combattere per quello che vogliamo realmente, che ci ricordano che nulla è perduto e che lì fuori c’è un mondo che aspetta soltanto di essere conquistato.

Certo, non possiamo avere fiducia nei confronti di quelle persone e di quelle situazioni che non la meritano, questo è chiaro. Tuttavia nutrire speranza nel domani e nei sogni da realizzare è cosa assai diversa, è linfa vitale, è l’unica maniera che abbiamo per tenere vivo il fuoco che alimenta i nostri desideri.

La conferma l’abbiamo da come ci sentiamo quando ci auto convinciamo che i nostri sogni sono a portata di mano, quando ci rendiamo conto che possiamo raggiungerli, uno ad uno. Ma lo conferma anche la scienza che le aspettative e la fiducia ci fanno bene, alla pari di qualsiasi altro farmaco per il benessere mentale.

Come? Un approccio alla vita positivo e fiducioso stimola il rilascio di endorfine e di encefaline, mimando in qualche modo l’effetto della morfina. Questo vuol dire che se stiamo vivendo un periodo della vita particolarmente complicato, traumatico o difficile, con la speranza possiamo realmente ridurre il dolore.

Un approccio del genere crea un circolo virtuoso che, non solo ci aiuta a superare i momenti più difficili della nostra esistenza, ma ci consente di guardare le cose da un’altra prospettiva. Certo, non dobbiamo mai confondere la speranza con la negazione, né tanto meno trasformarla in un capo espiatorio per creare grandi e infondate aspettative.

Dobbiamo, piuttosto, vedere la speranza come uno strumento che si colloca tra il pensiero positivo e la fiducia, e che si trasforma nel potere di passare all’azione per cambiare le cose.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

La speranza è il farmaco più potente in natura