Shopping compulsivo, dipendenza davvero pericolosa. I segnali (e come uscirne)

La voglia di acquistare può trasformarsi in una pericolosa dipendenza. Ecco come riconoscere i sintomi dello shopping compulsivo e come uscirne

Lo shopping compulsivo è una dipendenza sempre più diffusa, che ad oggi coinvolge circa il 6% della popolazione italiana. Il 75% delle persone affette da questo problema sono donne, che combattono ogni giorno con il desiderio irrefrenabile di provare e acquistare qualcosa.

Non si tratta della semplice volontà, spesso più che legittima, di indossare un paio di scarpe o un vestito nuovo in occasione di un evento importante, ma di una vera e propria patologia che può portare a conseguenze gravissime e che sembra essere peggiorata in questi anni a causa della presenza dello shopping online. Uscirne non è semplice, ma non è impossibile.

Per gli specialisti alla base del problema c’è la necessità di gratificarsi emotivamente, acquistando spasmodicamente qualsiasi cosa. Ciò che rende complicata questa malattia è il fatto che molto spesso è difficile distingue l’acquisto legato alla patologia e quello “normale”. Il più delle volte la diagnosi arriva in ritardo e uscire dal tunnel diventa sempre più complicato.

In Italia, per affrontare questo problema, sono stati realizzati diversi centri di recupero, inoltre gli psicoterapeuti oggi sono in grado di avviare un processo terapeutico con il paziente per affrontare la malattia. Per identificare i segnali della sindrome da shopping compulsivo gli studiosi dell’Università di Bergen hanno realizzato un test.

Si tratta di sette affermazioni a cui è possibile rispondere assegnando un numero che va da zero (non sono d’accordo) a quattro (sono d’accordo). Se si assegna un valore pari a tre o quattro ad almeno quattro domande, si è in presenza di una dipendenza.

I quesiti nello specifico sono: “Pensi allo shopping ogni momento?”, “Fai shopping per cambiare il tuo umore?”, “Fai così tanto shopping che questo ha un effetto negativo sui tuoi impegni?”, “Ti sembra di dover comprare sempre più oggetti per avere la stessa soddisfazione di una volta?”, “Hai deciso di fare meno shopping, ma non ci riesci?”, “Sei a disagio se per qualche motivo non riesce a fare shopping?”, “Fai talmente tanto shopping che questo ha compromesso il tuo benessere?”.

Come affrontare la dipendenza da shopping? Per prima cosa cercate di uscire sempre in compagnia, per avere accanto una persona che vi fermi nel momento in cui la vostra patologia inizierà a manifestarsi. Combattere il desiderio insieme a qualcuno sarà di certo molto più facile.

Quando si ammira qualcosa dalla vetrina sarebbe fondamentale attendere qualche giorno prima di acquistarlo, per comprendere se si ha davvero bisogno di quell’oggetto. Infine è sempre importante rivolgersi ad uno specialista per intraprendere un percorso di rinascita interiore e sviluppare un nuovo rapporto con lo shopping.

Shopping compulsivo, dipendenza davvero pericolosa. I segnali (e come&...