La montagna più alta è quella dentro di te

Niente e nessuno potrà fermarti: è arrivato il momento di raggiungere la vetta più alta della montagna e essere felice

A volte abbiamo la percezione di trovarci davanti ad ostacoli insormontabili e ci arrabbiamo con noi stesse per non riuscire a superarli e con la vita che sembra abbia organizzato un piano per non vederci felici. La verità è che basterebbe fermarsi un momento per comprendere che niente può fermarci, perché possiamo avere tutto ciò che vogliamo.

Dentro ogni donna infatti si nascondono delle forze misteriose e potenti e solo imparando a riconoscerle possiamo diventare invincibili. Perché l’ostacolo più grande a volte è rappresentato soltanto da noi stesse e dalla nostra incapacità di comprendere quanto davvero valiamo.

Perché non c’è niente e nessuno che possa davvero fermarci e impedirci di fare cose grandiose. E no, la vita non ci mette davanti ad ostacoli apparentemente insormontabili per farci un dispetto, lei vuole farci capire che forse la strada che abbiamo scelto non è quella giusta.

Perché la vita ci parla e solo nel momento in cui riusciamo ad ascoltarla possiamo riconoscere la nostra missione: cosa siamo destinate a diventare?

Walter Bonatti ci ha insegnato che la montagna più alta è dentro di noi, e mai cosa detta fu più vera. Le sue parole ci ricordano che raggiungendo la vetta della montagna potremmo cimentarci in opere grandiose. Una metafora che ci ricorda che il compimento dei nostri sogni e degli obiettivi appartiene a noi soltanto.

E allora saliamoci davvero su quella montagna e lasciamoci ispirare. Cerchiamo una visione che possa appartenere al nostro inconscio, che possa guidarci verso la felicità. Niente e nessuno ci fermerà perché non esistono limiti sociali, culturali o di genere che tengano.

La vita del resto ci ha dato un grande dono: possiamo scegliere di essere chi vogliamo. E allora prendiamocela questa libertà di diventare chi sognavamo di essere da bambine: astronaute, scienziate, creative. L’uomo sognava di volare e lo ha fatto, perché noi dovremmo fermarci al primo ostacolo? Dobbiamo imparare dall’acqua, che sa aspettare quando incontra una roccia per tornare a fluire come prima, più di prima.

Fermiamoci ad ascoltarci su quella montagna, sulla sua cima più alta per poi gridare al mondo, ma soprattutto a noi stesse che siamo pronte per realizzare grandi cose. Che è il momento di essere felici.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

La montagna più alta è quella dentro di te