“Rimani e combatti”. Perché scappare non ti salverà

È difficile, è doloroso, ma rimanere e decidere di combattere è la cosa più saggia che potrai mai fare. E un giorno ringrazierai te stessa

Sei ancora qui, sei ancora in piedi. Eppure ti senti stanca, avvilita. Troppe poche vittorie a fronte di una moltitudine di sforzi che ti hanno sfiancata, troppi sacrifici che ti hanno portato a raccogliere solo delle briciole. Ti volti: il cammino fino al bivio che ti ha fatto scegliere la strada più complicata non è poi così lungo. Potresti tornare indietro, potresti fuggire.

Ci pensi, soppesi l’opzione: è la soluzione più facile, il percorso apparentemente più comodo e agevole. I tuoi piedi sembrano muoversi da soli, sei pronta allo scatto. Ma la senti, la voce della tua coscienza? Ti ripete una frase, ossessivamente. Una frase che non puoi fare a meno di ascoltare: rimani e combatti.

Non tentare di scacciarla, ascolta quella voce: resta. Perché scappare per ricominciare una nuova vita non sempre è la soluzione. Alcuni mostri non scompaiono scappando. Al contrario, ti seguono ovunque tu vada e tornano ad assalirti nei momenti più improbabili, facendoti ripiombare in un baratro spettrale. Inattesi, ti colgono alla sprovvista quando pensavi di esserteli lasciati alle spalle.

E tu, con la tua storia, con i tuoi guai, sei molto più di una fuga a gambe levate. Sei più forte degli altri, sei anni luce più avanti, anche se stai vivendo un momento difficile. Questo vale per qualsiasi frangente: sia che tu stia scappando da una relazione tossica, sia che tu stia avendo delle difficoltà inerenti il mondo del lavoro. Sai che lo sei: guarda cosa hai fatto per arrivare fino a qui. È immenso, lo vedi?

Alza la testa, sii grata a te stessa e affronta ciò che rende ogni tuo passo più pesante. Combatti i tuoi demoni, perché la vera forza sta tutta nel rimanere e nel fronteggiare le difficoltà, nel plasmare – seppur con immensa difficoltà – la realtà che ti circonda, rendendola tua, addomesticandola con pazienza, tenendo conto che ci sono dei momenti in cui ti si può rivoltare contro.

Dileguarti in maniera pavida ti metterà sempre in una posizione di svantaggio. Restare, invece, ti eleverà. Nulla è regalato, tutto si guadagna con pena e sudore, ma è mille volte meglio faticare piuttosto che scappare senza meta, finendo per perdersi e rischiare di non ritrovarsi.

Rimani e combatti. Prenditi ciò che è tuo, annichilisci ciò che ti spaventa, aumenta la tua autostima. E un giorno, quando le nuvole del tuo cielo si saranno dissipate e il sole tornerà a brillare, ti ringrazierai godendoti il tepore di una vita calda e luminosa, che ti sei guadagnata dopo tante battaglie.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

“Rimani e combatti”. Perché scappare non ti salverà