Provi attrazione per un collega? Non preoccuparti: non sei l’unica

Le relazioni con i capi e i colleghi non sono sbagliate, almeno non sempre. Ma siete davvero pronte ad assumervi tutti i rischi?

“Cosa c’è di sbagliato in me?” ci siamo chieste tutte quelle volte in cui ci siamo ritrovate nella situazione più sconveniente di sempre. Un cliché antico e mai sdoganato, quello di intraprendere una relazione sul luogo di lavoro, che si tratti di un capo troppo affascinante o di un collega estremamente premuroso, di una frequentazione avvenuta alla luce del sole o di una scappatella.

Certo è che non sembra questo il luogo più appropriato dove lasciarsi andare alla passione o raccogliere i frutti delle frecce di Cupido perché i rischi sono tanti. A partire dal rendimento e dalla produttività, passando per la gelosia e la competizione con le altre colleghe. E che dire, poi, degli strascichi di una frequentazione finita male?

Eppure così inopportune, forse, quelle relazioni non sono vista l’alta percentuale di uomini e donne in Italia, e non solo, che hanno avuto una relazione sul posto di lavoro. E a guardare i dati diffusi pare proprio che non si tratti solo di una cattiva abitudine.

Ufficio: dove nasce un amore

Pare essere una legge scritta da qualcuno, sicuramente dalla statistica, quella che fa scattare l’attrazione e l’innamoramento sul posto di lavoro. Secondo lo psicanalista Loick Roche, l’80% dei lavoratori ha avuto almeno una volta nella vita una relazione con un collega o un capo, indipendentemente dal fatto che questa sia stata l’avventura di una notte o una vera e propria frequentazione.

Sarà forse il fatto che ci si ritrova a trascorrere molto tempo gomito a gomito con qualcuno, o perché spinti dall’ammirazione creiamo dei rapporti di alta complicità. Ed ecco che quel feeling ben visto da tutti si trasforma, in men che non si dica, in un flirt e poi ancora in un’avventura o una relazione.

I motivi per il quale questo accade così spesso sono ancora sconosciuti, fatto sta che instaurare un rapporto intimo con qualcuno che frequenta il nostro stesso ambiente di lavoro può essere rischioso, soprattutto quando uno dei due porta la fede al dito.

Ma non è l’unica cosa che dovrebbe farci desistere dall’avere una relazione sul luogo di lavoro. Secondo i dati diffusi dalla BP Academy, infatti, alcuni capi si sono dichiarati propensi a licenziare i collaboratori che hanno flirt sul luogo di lavoro. Inoltre, gli stessi, confermano che queste relazioni tendono a rendere i dipendenti più distratti, meno competitivi e meno corretti con gli altri colleghi.

Amore sul posto di lavoro: a vostro rischio e pericolo

Insomma, dati ed esperienze alla mano, sembra quasi che sarebbe meglio evitare una relazione con un collega, eppure non tutti la pensano così.

Un’indagine condotta tempo fa da InfoJobs, infatti, ha svelato che il 63% delle persone intervistate ritiene che non ci sia nulla di male a intraprendere una relazione sul posto del lavoro con il capo o con un collega. Per il 35% di questi è una cosa normale e per il 28% una liaison è un modo per rendere il lavoro più gradevole.

Sembra quindi che la maggior parte delle persone crede fermamente che non ci sia niente di sbagliato nelle relazioni nate sul posto di lavoro, almeno su carta. Noi, però, i rischi ve li abbiamo elencati lo stesso, ora sta a voi decidere.